Luciano - Teatro India (Roma)

Scritto da  Domenica, 17 Marzo 2019 

Dal 26 febbraio al 3 marzo il Teatro India ha dedicato il proprio palcoscenico a Danio Manfredini con un dittico di spettacoli, “Luciano” e “Al presente”, a firma di una delle voci più intense del teatro contemporaneo, la cui arte è da sempre radicata nelle realtà degli spazi occupati e dei laboratori con i disabili psichici.

 

Produzione La Corte Ospitale presenta
Coproduzione Associazione Gli Scarti, Armunia centro di residenze artistiche Castiglioncello - Festival Inequilibrio
LUCIANO
ideazione e regia Danio Manfredini
con Danio Manfredini, Vincenzo Del Prete, Ivano Bruner, Giuseppe Semeraro, Cristian Conti, Darioush Forooghi
aiuto regia Vincenzo del Prete
ideazione scene e maschere Danio Manfredini
realizzazione elementi di scena Rinaldo Rinaldi, Andrea Muriani, Francesca Paltrinieri
disegno luci Luigi Biondi
fonico Francesco Forni
mixaggio colonna sonora Marco Maccari - Peak Studio Reggio Emilia

 

“Luciano è un viaggio oltre i confini della veglia, della mente ed oltre il corridoio di un ospedale psichiatrico”: così Dario Mafredini ci descrive il suo lavoro “Luciano”. Lo spettacolo prende spunto da un personaggio realmente esistito, Luciano appunto, con cui Manfredini ha lavorato per 20 anni durante il periodo di servizio presso un ospedale psichiatrico. Ed è proprio in questo luogo-non-luogo, lungo i corridoi e le stanze asettiche del nosocomio, che prende vita il nostro percorso a fianco del protagonista, tra ricordi, luoghi conosciuti, personaggi incontrati e trasfigurati dalla follia, truci situazioni di emarginazione.

Tra bagni pubblici, locali a luci rosse, parchi notturni, si muovono cinque personaggi maschili, il volto sempre coperto da una maschera, che rammentano storie di prostituzione, omosessualità, solitudine. Luciano, unico viso reale tra tutti quei volti celati, si muove tra queste storie, attraversandole senza giudicarle: la sua voce libera dalla maschera ci racconta di storie d’amore e di sesso, di riflessioni e domande sulla vita e sulla morte, attingendo alla poetica degli autori del passato, in un incessante monologo affannato e sconnesso, in cui sogno e realtà si confondono irrimediabilmente.

Seguiamo con lo sguardo Luciano sulla scena, solo tra i soli, emarginato tra gli emarginati, fino ad affezionarci a lui, mentre cammina tra le proprie visioni raccontando aneddoti del proprio passato ad un elefantino di pezza che trascina con sé, feticcio di una reale compagnia.

Notevoli e fondamentali per la riuscita scenica del lavoro, la scenografia perennemente cangiante e la musica che, spaziando dalla house al metal al pop, rende ancora più agghiacciante il delirio mentale in cui si muove il protagonista Luciano/Manfredini.


Teatro India - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) 1, 00146 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06.684.000.311/314, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: giovedì e domenica ore 21, venerdì e sabato ore 19
Biglietti: intero 20€, ridotto 16€, scuole e studenti €14
Durata spettacolo: 1 ora e 10 minuti

Articolo di: Serena Lena
Grazie a: Amelia Realino, Ufficio stampa Teatro di Roma
Sul web: www.teatrodiroma.net

TOP