La Bohème - Teatro Manzoni (Milano)

Scritto da  Martedì, 21 Giugno 2016 

E' andata in scena al Teatro Manzoni di Milano, in via del tutto eccezionale, “La Bohéme” di Giacomo Puccini. In chiusura di stagione SoldOut srl propone una serata speciale dedicata al grande compositore toscano, al bel canto e alla tradizione operistica, che portano nel mondo la nostra italianità.

 

Soldout presenta
LA BOHÈME

Personaggi e interpreti:
Rodolfo - Valter Borin
Mimì - Olivera Mercurio
Musetta - Antonella Bertaggia
Marcello - Giorio Valerio
Schaunard - Marco Sportelli
Colline - Daniele Biccirè
Parpignol - Mario Penacchio

corale Lirica Ambrosiana - maestro del coro Roberto Ardigò
coro di voci bianche 'In Canto' della Scuola Media Sacro Cuore di Milano
orchestra Alessandro Manzoni diretta dal M° Roberto Gianola
luci Marco Caccialupi
costumi Antica sartoria Bianchi Milano
regia Gennaro Davanzo
scene usate da Pavarotti a Modena con regia Bepe de Tomasi

 

E' sempre un privilegio unico assistere ad un'opera lirica, privilegio che si espande quando si tratta di ascoltare Giacomo Puccini e qui siamo addirittura al cospetto deLa Bohéme”, una delle opere più suggestive dell'autore toscano.

La storia è ormai famosa: siamo nella Parigi di fine Ottocento e un gruppetto di artisti squattrinati si sostiene a vicenda e cerca insieme di cavarsela. Il pittore Rodolfo si innamora di una giovane di nome Lucia che tutti però chiamano Mimì (da qui una delle più celebri arie dell'opera). La loro storia però è assai travagliata perché Rodolfo è spiantato e insicuro e muore di gelosia temendo che Mimì possa tradirlo con altri. La sua gelosia si fa così accesa che Mimì è costretta a lasciarlo. I due finiranno poi per ritrovarsi, come accade a tutti coloro che si amano davvero, purtroppo però troppo tardi. Mimì infatti è ammalata di tubercolosi e l'opera si chiude proprio con la sua morte.

L'allestimento appare un po' spartano e di vecchio stile, ritroviamo la scena plafonata e parapettata che ci ricorda quasi più il teatro amatoriale che il vecchio far teatro. I cantanti sono molto preparati dal punto di vista vocale, poco lavoro c'è stato invece per affinare la recitazione o quantomeno definire con precisione maggiore i movimenti scenici così da evitare il “passeggiamento” in scena, cosa ormai non più concessa nemmeno ai non attori che si affaccino comunque ad una scena professionistica.

I costumi sono filologici. L'orchestra è di buon livello, perfetta agli appuntamenti, presente.

Puccini e la sua musica sono le star indiscusse di quest'opera. Alla morte di Mimì, se chiudiamo gli occhi e ci affidiamo solo alla musica, possiamo vedere con la nostra immaginazione una rosa sferzata dal vento che si apre fino alla fine per far uscire tutto il suo profumo.

 

Teatro Manzoni - via Alessandro Manzoni 42, 20121 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 800914350, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: feriali ore 20,45; domenica ore 15,30; lunedì riposo
Biglietti: poltronissima Prestige € 35; poltronissima € 32; poltrona € 23; poltronissima under 26 € 15

Articolo di: Caterina Paolinelli
Grazie a: Ufficio stampa Claudia Grohovaz
Sul web: www.teatromanzoni.it

TOP