La Ballata del Carcere di Reading - Teatro India (Roma)

Scritto da  Venerdì, 17 Aprile 2015 

Fino al 26 aprile il Teatro India ospita l'elegante e intenso allestimento firmato Elio De Capitani di uno dei più forti e profondi componimenti di Oscar Wilde; Umberto Orsini e Giovanna Marini orchestrano musica, parola, voce e luci, armonizzate a comporre un poetico grido contro la pena di morte.

 

Produzione Compagnia Umberto Orsini presenta
LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
da Oscar Wilde
con Umberto Orsini e Giovanna Marini
regia Elio de Capitani
musiche composte ed eseguite dal vivo da Giovanna Marini

 

L'incontro tra tre "istituzioni" della cultura italiana ha partorito una felice parentesi di teatro intimo, emozionante, coinvolgente.

Come Giovanna Marini racconta in apertura di spettacolo, questo testo è stato scritto da Oscar Wilde in forma di ballata non casualmente: insieme al carattere fortemente lirico, questo tipo di componimento si presta moltissimo alla musica, tanto da potersi sposare al canto trasformandosi felicemente nel racconto di un cantastorie. E qual era il pregio delle storie cantate se non quello di penetrare nell'immaginario popolare e sociale?

Wilde avverte l'urgenza di far conoscere al mondo cosa accade all'interno delle carceri, ed il suo grido è tanto più intenso quanto autentico, perché il carcere Wilde l'ha sperimentato. Per questo ha scritto una ballata, altamente poetica ma di vocazione popolare.

Giovanna Marini, da sempre portavoce del canto popolare, sfrutta meravigliosamente questa intuizione per recitare in musica questo accorato inno contro la pena capitale, assurda vendetta che paga la morte con la morte. I suoi arpeggi ed i suoi fraseggi dialogano armonicamente con la voce calda, temperamentosa di Umberto Orsini, portatore di un aplomb teatrale insieme fresco ed old-fashioned, che rende giustizia alla potenza del verso Wildiano.

La regia di De Capitani, elegante, asciutta, ci restituisce un Oscar Wilde spogliato di tutte le etichette che di solito lo accompagnano.

L'efficace dialogo di lingue (l'italiano di Orsini e l'inglese delle cantate della Marini) e di parola e musica fornisce la giusta atmosfera ad un testo di certo impegnativo, impedendogli di cadere nel retorico. Proprio alla musica e alla voce della Marini si deve il grande merito di sottolineare o alleggerire la parola, trasportando il pubblico in un universo straniero eppure parlando all'orecchio della nostra umanità.

 

Teatro India - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) 1, 00146 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/684.000.346
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 19.30, domenica ore 16.30, lunedì riposo
Durata: 55 minuti

Articolo di: Sabrina Fasanella
Grazie a: Amelia Realino, Ufficio stampa Teatro di Roma
Sul web: www.teatrodiroma.net

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP