L’Avaro - Teatro Leonardo (Milano)

Scritto da  Raffaella Roversi Domenica, 01 Dicembre 2013 

Dal 29 novembre 2013 al 1 Gennaio 2014. Quelli di Grock presenta "L’avaro", di Molière, in una rilettura particolare che intreccia a questa commedia un’altra, sempre del drammaturgo francese: “L’improvvisazione di Versailles” ; qui Molière stesso, autore, attore e regista si diverte a svelare ciò che avviene dietro le quinte, con comicità e un pizzico di polemica. Il risultato che Quelli di Grock ottiene, è una pièce dinamica e scoppiettante, un inno divertito e divertente, alla commedia dell’arte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Produzione Quelli di Grock presenta in prima nazionale
L’AVARO
da Molière
traduzione e adattamento Valeria Cavalli
regia Valeria Cavalli, Claudio Intropido
con Pietro De Pascalis, Jacopo Fracasso, Cristina Liparoto, Sabrina Marforio, Roberta Rovelli, Andrea Robbiano, Simone Severgnini, Clara Terranova
musiche originali Gipo Gurrado eseguite da Nema Problema Orkestar
costumi Anna Bertolotti
trucco Beatrice Cammarata
scenografia e disegno luci Claudio Intropido

 


Udite gente, udite: arriva il carro di Tespi al Teatro Leonardo! Ne scende un gruppo di attori, di guitti dinamici e trascinanti. Gli ottoni li accompagnano, ed al suono della musica (firmata da Gipo Gurrado), riempiono subito un teatrino un po’ scolorito, mobile, girevole, quasi una barca in mezzo al mare delle passioni umane. Talvolta i marinai sono capitani coraggiosi e le dominano, talaltra sono dei naufraghi e si lasciano condurre dalla cecità delle stesse. Come Arpagone, l’avaro. Una persona rapace per soldi e sentimenti, che prova emozione solo davanti alla cassettina di monete sonanti e splendenti che ha nascosto nella sua casa. Non vede niente altro; non sa ascoltare, accogliere. È un pitocco, usuraio, strozzino. Rischia perfino che i suoi due figli naufraghino nel mare della solitudine, interessato com’è, solo al denaro. Alla fine l’amore trionferà per tutti, superando i limiti imposti da Arpagone; tranne per lui, che non arriverà a redimersi.


Molière però, in questa originale e divertente rilettura dei registi Valeria Cavalli e Claudio Intropido, “raddoppia”, diventa Molière in Molière. Infatti, nel riadattare la commedia de "L’Avaro", i due registi la fondono con un’altra, sempre del Maestro, ma poco conosciuta: “L’improvvisazione di Versailles”. In questa, precursore giocoso di Pirandello, Molière stesso è il regista, autore, attore che dovrebbe dirigere le prove di una rappresentazione per il re. Ma la sua troupe teatrale è scontenta, disorganizzata ed anche arrabbiata perchè non ha avuto tempo a sufficienza per provare. Comicità e polemica vanno di pari passo mentre, con un sorriso beffardo, Molière si prende gioco degli attori e degli autori (specie quelli che lo avevano accusato di creare personaggi inesistenti nella realtà).


E così quando la figlia di Arpagone, innamorata di Valerio, minaccia di uccidersi se costretta dal padre a sposare il vecchio Signor Anselmo, Arpagone si tuffa nell’altra commedia e felice esclama: “Bene, allora cosi si smonta la scena e la commedia finisce”. O quando la servetta lo critica perché fa durare troppo la scena, con fare perentorio esclama: “Sono io il primo attore e decido io quanto dura la scena”.


Tutto è movimento, fisicità, gaiezza. Si salta da una commedia ad un’altra, si fa teatro nel teatro. Si balza dal palco alla platea e potrebbe anche capitare che un qualsiasi spettatore, per una sera, si trovi su un trono, con scettro e mantello. Perché il teatro si mescola con la vita e la vita con il teatro!

 

 

Teatro Leonardo da Vinci - via Ampère 1 (angolo Piazza Leonardo da Vinci), 20131 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/26681166, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario degli spettacoli: dal martedì al sabato ore 20.45, domenica ore 16, lunedì riposo (repliche speciali 26 dicembre 2013 ore 16/1 gennaio 2014 ore 18)
Durata: 120 minuti


Articolo di: Raffaella Roversi
Grazie a: Anna Dotti, Ufficio comunicazione Quelli di Grock - Teatro Leonardo da Vinci
Sul web: www.teatroleonardo.it

 

TOP