L’abisso - Teatro India (Roma)

Scritto da  Sabato, 20 Ottobre 2018 

Dal 9 al 28 ottobre debutta al Teatro India il racconto urgente, profondo, attuale di Davide Enia, “L’abisso” - quello del Mediterraneo che ingoia i migranti e quello interiore di un uomo di mare - che il palermitano, scrittore, drammaturgo, interprete e regista di se stesso, ha tratto dal suo nuovo romanzo in presa diretta da Lampedusa, “Appunti per un naufragio” (Premio Mondello 2018).

 

Produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale, Teatro Biondo di Palermo, Accademia Perduta/Romagna Teatri presenta
L’ABISSO
tratto da Appunti per un naufragio (Sellerio editore)
uno spettacolo di e con Davide Enia
musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri


Un racconto fatto sotto voce, che sovrasta con il potere del vuoto e dell’assenza di parole i toni urlati delle cronache giornalistiche, rimettendo alla coscienza degli spettatori l’ultimo giudizio su quanto accade. Mille i corpi in mare che continuano a popolare la nostra mente, mille le voci in cerca di aiuto che si affollano sovrapponendosi, così come le note costruite dalle dita veloci del bravissimo chitarrista palermitano Giulio Barocchieri, solo sul palco insieme a Davide Enia.

Enia restituisce al pubblico una storia conosciuta ma spesso messa a tacere, una storia che sa di morte ma che rivela anche qualcosa sulla forza della vita; di anime che sfidano il pericolo insondabile dell’abisso per aggrapparsi alla speranza come ad un pezzo di legno in mare aperto; di un piccolo lembo di terra che diventa improvvisamente immenso, allargando a dismisura i propri confini per dare ospitalità a tutti quei corpi in cerca di un futuro che popolano le acque circostanti.

Tutto questo Davide Enia lo consegna al pubblico ricorrendo a registri stilistici differenti, dal dialetto masticato a mezza voce alle litanie dei pescatori, dalla valanga di parole troncate per la troppa foga ai silenzi dettati dalle agghiaccianti emozioni, dai frammenti sussurrati al sovrapporsi dei “cunti” a più voci, sempre più carichi di rabbia così come le reti dei pescatori, appesantite di corpi esanimi.

Dolore ed ironia si mescolano per i novanta minuti della rappresentazione, predisponendoci all’ascolto ed avvicinandoci alla storia, partecipi e commossi testimoni di un superbo esempio di teatro-narrazione.

 

Teatro India - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) 1, 00146 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06.684.000.311/314, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal 9 al 12 ottobre ore 21.30, sabato ore 20, domenica ore 18, dal 23 al 27 ottobre ore 21
Biglietti: intero 20€, ridotto 14€
Durata spettacolo: 1 ora e 30 minuti

Articolo di: Serena Lena
Grazie a: Amelia Realino, Ufficio stampa Teatro di Roma
Sul web: www.teatrodiroma.net

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP