Incontri con Scrittori Straordinari - Casina delle Civette, Villa Torlonia (Roma)

Scritto da  Olimpia Sales Domenica, 24 Marzo 2013 

Dal 22 al 26 marzo, si avvicenderà un triplice incontro: teatro - letteratura - poesia, nell’affascinante e suggestiva Casina delle Civette di Villa Torlonia; Incontri con scrittori straordinari è una performance che fonde ed armonizza i diversi mezzi spettacolari ed artistici, portata in scena da Abraxa Teatro, compagnia che già in passato ha rivolto lo sguardo ai tre scrittori - Cesare Pavese, Hermann Hesse, Virginia Woolf - oggetto di rielaborazione drammaturgica in questo inconsueto esperimento teatrale.

 

 

 

 

 

 

 

INCONTRI CON SCRITTORI STRAORDINARI
regia e drammaturgia Emilio Genazzini
con Massimo Grippa, Francesca Tranfo
disegno luci Massimo Grippa
costumi e accessori scenici Matilde Guiducci (Associazione Villa Flora)
selezione dei brani musicali Il Collettivo della Compagnia
registrazioni vocali Associazione Musica Oggi e Associazione Villa Flora

 

 

L’incontro in teatro costituisce un elemento fondamentale, in quanto l'essenza stessa dell'arte performativa si basa proprio su questo principio: un incontro, un rapporto che si instaura tra la scena e anche un suo solo spettatore.
Con lo spettacolo proposto da Emilio Genazzini è proprio questo che si intende sottolineare, infatti l’intera rappresentazione si configura come una sorta di appuntamento in cui gli spettatori sono ospiti dei tre scrittori, riunitisi da periodi differenti per celebrare e sollecitare la propria memoria.
L’appuntamento ed il percorso teatrale sembrano iniziare prima dell’arrivo al luogo deputato alla fruizione dello spettacolo; ci si raccoglie all’ingresso di Villa Torlonia e il cammino tra gli alberi e il verde della villa sembra essere il giusto prologo drammatico.
L’azione è sagacemente distribuita in un ordine che comprende letture di Hermann Hesse prima, Virginia Woolf poi ed infine Cesare Pavese.
La prima è interpretata da Massimo Crippa il quale, proponendo brani come “Il linguaggio della natura” e “Infanzia del mago” tratti da La natura ci parla, sembra assumere le sembianze di un folletto inviato dai boschi per ricondurci ad una ritualità fatata.
La seconda, invece, è interpretata da una bellissima e intensa Francesca Tranfo, la quale irrompe in scena con un sottofondo musicale di Ludovico Einaudi e, attraverso la sua bravura e la sua forte presenza scenica, travolge il pubblico con la recitazione e le parole scritte da Virginia Wolf, soprattutto nei brani tratti da Le tre ghinee e Diario di una scrittrice.
Infine ci si ritrova in scena con Massimo Crippa che ci presenta il nostro terzo ospite, Cesare Pavese, con brani tratti da Il mestiere di vivere: Diario dal 1935 al 1950 e la poesia The cats will know. Non si può essere che concordi e venir travolti da tristezza, ma contemporaneamente accogliere con un sorriso, le ultime parole lasciate da Pavese prima di morire e che vengono intelligentemente evidenziate attraverso la loro esplicazione in video: "Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi”.
Le scelte registiche che, in uno spettacolo così articolato, potrebbero apparentemente rivestire una secondaria importanza, risultano in realtà determinanti; quindi, assolutamente convincente il sottofondo musicale prescelto ed anche la selezione visiva in video degli spettacoli precedenti della compagnia.
La disputa tra teatro e letteratura e sulla subordinazione della seconda al primo nasce intorno ai primi anni del ‘900, ma un lavoro sull’importanza della parola in teatro risulta essere non meno originale delle varie sperimentazioni drammaturgiche in circolo. Un incontro, con personaggi complessi, attori eccellenti, in un'ambientazione di grande suggestione, per un esperimento teatrale riuscito ed audace.

 

 

Casina delle Civette, Villa Torlonia - via Nomentana 70, Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/65744441 - 3404954566, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal 22 al 26 marzo, ore 21
Biglietti: €12,00 intero, €8,00 ridotto

 

Articolo di: Olimpia Sales
Grazie a: Ufficio stampa compagnia Abraxa Teatro
Sul web: www.abraxa.it

 

 

TOP