Il solito dramma familiare - Roma Fringe Festival 2020, Mattatoio La Pelanda (Roma)

Scritto da  Domenica, 19 Gennaio 2020 

Enrico Maria Carraro Moda, dopo il successo ottenuto al festival “InDivenire 2019” con lo spettacolo “Il Vampa”, porta in scena, al Roma Fringe Festival, con la sua compagnia “I Nani Inani”, il suo nuovo testo “Il solito dramma familiare”. Sempre attento alle dinamiche umane ed alle loro insopprimibili perversioni, l’autore ci racconta gli “orrori” delle riunioni familiari, soprattutto in occasione di obbligate ricorrenze, quando la distopia di rapporti con persone ormai semisconosciute alimenta insofferenze, piccole vendette e frustrazioni.

 

Compagnia “I nani inani” presenta
IL SOLITO DRAMMA FAMILIARE
regia e drammaturgia Enrico Maria Carraro Moda
con Federico Balzarini, Silvia Ponzo, Enrico Maria Carraro Moda, Mattia Tassi, Valeria D’Angelo
adattamento e aiuto regia Silvia Ponzo
creatore di suspense Federico Balzarini
invecchiamento per giovani anziani Mattia Tassi
tutto il resto Valeria D’Angelo



In famiglia si balla, ma ognuno lo fa da solo, a suo modo. Un piccolo nucleo umano, come la Pangea, originariamente unito e, nel tempo, naturalmente esploso, espanso in direzioni diverse. Sono tutti accorsi a festeggiare la nonna, o la sconfitta della nazionale italiana nei campionati mondiali del Brasile. Il legame di sangue fa “90”! Come gli anni gloriosamente raggiunti dalla nonna.

C’è la mamma tuttofare, che mai si ferma, per non annaspare, potrebbe annegare! C’è il cugino preferito, probabilmente solo perché da lì è partito, svanito; c’è il cugino “espiatorio”, che ostenta il suo “capro”; c’è la cugina che fa parlare di sé per i suoi orientamenti sessuali, indispensabile il suo ruolo di “diverso” su cui gli altri possono scaricare le proprie inadeguatezze, per fortuna! “Cos’hai regalato a Nonna?” “Un phon!". Ma alla Nonna, più in forma di tutti gli altri, può bastare, le basta godersi la commedia esistenziale.

Ma, di fondo, non è un dramma, è la norma, è la vita, è la natura del genere umano che, chiusosi in più o meno costose gabbie, elabora raffinate lotte intestine, destinate a non aver vincitori, che sa picchiare senza lasciare segni visibili. I nani inani confermano il loro prezioso stile minimalista, nonsense ed incisivo, facendo arrivare il loro messaggio in modo ipnotico e, sempre, puntuale. Apprezzabile lo stile recitativo di tutto il cast, in particolare segnaliamo la bravura di Silvia Ponzo. Uno spettacolo da vedere ascoltando i Daft Punk.

Se doveste averlo perso, potrete seguirne le repliche e le puntate successive nelle vostre prossime riunioni familiari. Ah, dimenticavo… tanti auguri!

 

Macro Testaccio La Pelanda - Piazza Orazio Giustiniani 4, Roma (Testaccio)
Per informazioni e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: mercoledì 8 gennaio ore 21, giovedì 9 gennaio ore 19 (palco A)
Biglietti: posto unico € 8, ridotto € 5 (over 65, under 24) - biglietti acquistabili su 2tickets.it oppure al botteghino la sera stessa degli eventi (il botteghino apre alle 17.30)

Articolo di: Enrico Vulpiani
Grazie a: Marta Volterra, Ufficio stampa Roma Fringe Festival
Sul web: www.romafringefestival.it

TOP