Il Principe Mezzanotte - Teatro Vascello (Roma)

Scritto da  Mercoledì, 17 Ottobre 2012 
Il Principe Mezzanotte

“Il Principe Mezzanotte”, una favola per bambini, un po’ paurosa e un po’ fantastica. Una favola noir bellissima e poetica interpretata in modo eccezionale da Valeria Salerno, Massimiliano Donato e Andrea Castellano.

 

 

 

Produzione Teatropersona presenta
IL PRINCIPE MEZZANOTTE
regia, drammaturgia, scena, luci, suoni Alessandro Serra
con Valeria Salerno, Massimiliano Donato e Andrea Castellano
Premiato come miglior spettacolo dall’osservatorio critico degli studenti

 

C’è una volta un principe, dico c’è perché mica è morto poveretto, insomma c’è una volta un principe di nome Mezzanotte, nato a mezzanotte e perdutamente innamorato del buio e delle stelle. Perché senza il buio le stelle non si vedono, giusto? tutti pensano che la notte protegga e nasconda fantasmi, lupi e streghe e che la luce del giorno, invece, renda il mondo splendido e sereno. Eppure è proprio di notte che prendono vita i sogni. Ma anche i sogni più belli possono trasformarsi in incubi, proprio come accadde al nostro povero principe, costretto a nascondersi in un magico comò per sfuggire alla maledizione della terribile strega Valeriana.
Così i bambini e i loro genitori vengono accolti da un’attrice con i pattini sul palcoscenico del Teatro Vascello.
Poche magiche parole, inquietanti, per poi condurci attraverso un cunicolo, una vera porta dimensionale, ricavato nel comò, in una stanza del castello del principe; una stanza magica, appartenente al mondo dell’onirico, del sogno. Una stanza dai toni del bianco e nero.
Lì un giocattolo a carica gigante e un principe tutto vestito di nero, magrissimo con delle scarpe da pagliaccio - un pagliaccio triste, molto triste, impossibilitato da una maledizione ad amare, a far battere il suo cuore, costretto all’ombra pur di non cadere in tentazione - accolgono, si alternano e a volte interagiscono davanti agli occhi increduli, un po’ spaventati e un po’ affascinati dei piccoli spettatori.
Un pallido principe di cui la strega Valeriana si è innamorata, lanciandogli una delle più brutte maledizioni: se ti innamorerai diventerai un essere mostruoso. Da allora Mezzanotte, rimpicciolito con tutto il suo castello e i suoi servitori, vive triste e solitario, in attesa che qualcuno sciolga la maledizione. Un bel giorno qualcuno arriva al castello, il cuore del principe inizia a battere e la maledizione prende corpo. Il principe diviene un essere mostruoso. E il ritmo muta, luci e ombre, inseguimenti, trambusti…
E il finale? A sorpresa…ma la luce nelle fiabe vince sempre sull’ombra e quello che questi bravissimi attori donano a se stessi, agli adulti e ai bambini non ha eguali. Attori che con il loro mestiere riportano il racconto alla sua essenza; un’essenza fatta di luci e ombre, paura e amore, in cui le scene tristi, paurose, mostruose trovano conforto nella fragilità e nella potenza del coraggio e dell’amore.
Il Teatro Vascello conferma ancora una volta la grande capacità di selezione per la programmazione dei più piccini. Programmazione non facile. Programmazione che deve unire la qualità alla possibilità di fruizione degli spettatori senza mai perdere di vista la narrazione.

 

Teatro Vascello - via Giacinto Carini 78, 00152 Roma (zona Monteverde Vecchio)
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/5881021 – 06/5898031
Orari spettacoli: sabato ore 17, domenica ore 15
Biglietti: adulti € 10, bambini € 8

 

Articolo di: Laura Sales
Grazie a: Cristina D’Aquanno, Ufficio stampa Teatro Vascello
Sul web:
www.teatrovascello.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP