Il Piccolo Principe - Barclays Teatro Nazionale (Milano)

Scritto da  Martedì, 17 Febbraio 2015 

Le opere letterarie per bambini sono spesso diventate occasione di spettacoli teatrali e si può considerare un ritorno sempre gradito l’allestimento de "Il Piccolo Principe", l’opera più celebre di Antoine de Saint-Exupéry, pubblicata in inglese e pochi giorni dopo in francese nel 1943, nell’infuriare della terribile seconda guerra mondiale che ha sconvolto tutta l’Europa durante lo scorso secolo. Rivolto ai bambini ma capace di penetrare nel cuore di tutti, con la storia del pilota che cade nel deserto col suo monoplano, si salva e incontra un bambino che gli spiegherà il senso della vita attraverso i suoi viaggi spaziali fra pianeti diversi e personaggi di ogni genere e tipo, questo libro è stato tradotto finora in 257 lingue e dialetti del mondo e ha venduto quasi quanto "Pinocchio", che però fu scritto a metà dell’Ottocento ed è considerato, dopo la Bibbia, il libro più venduto al mondo. E’ il Barclays Teatro Nazionale, bel palcoscenico milanese che normalmente ospita i più famosi musical, ad accogliere questo spettacolo per grandi e piccini dal 31 gennaio fino a metà maggio, ogni sabato e domenica mattina.

 

Barclays Teatro Nazionale presenta
IL PICCOLO PRINCIPE
adattamento e regia Chiara Noschese
regia associata Roberto Bani
con Antonio Speranza - nella doppia veste di voce narrante e attore


L’idea è venuta a Chiara Noschese, che ha curato sia la regia sia l’adattamento, scegliendo di utilizzare una scenografia evocativa ma semplice e un unico attore capace di essere allo stesso tempo anche voce narrante, con una certa sorpresa da parte del pubblico. In effetti il Principe non si vede, non appare, ma l’evocazione è così forte che i bambini del pubblico, moltissimi, sembrano non farci caso, coinvolti dalle immagini proiettate a dimensione gigante sulla saracinesca bianca del teatro, disegnate dall’illustratrice per l’infanzia Neva Chieregato, mentre giochi di luce ed effetti sonori sostengono il lato poetico e filosofico che i più piccoli sembrano comprendere senza alcuna fatica.

La grandezza di questo spettacolo è la capacità del one-man show Antonio Speranza, attore, cantante e monologhista dalle tante voci, di spezzare la solita lettura del libro messo in scena più o meno fedelmente per rivolgersi invece quasi fin da subito al pubblico, in particolar modo ai bambini e alle bambine, coinvolgendoli nel corso degli eventi, ponendo loro domande, scendendo in platea per parlare come fosse davvero un bambino nel deserto, che chiede un po’ d’acqua… e allora la storia che forse tutti ricordano per via di una rosa che voleva essere addomesticata, per quella pecora nella scatola e la volpe del deserto che spaventa ma non troppo sia il bambino sia il pilota, per qualsiasi adulto lascia il posto al vero spettacolo: osservare i comportamenti dei bambini, la facilità con cui l'attore protagonista si relaziona con loro e come reagiscano gridando, alzandosi, muovendosi, rispondendo e anche acquietandosi se abilmente calmati. Uno spettacolo nello spettacolo raro da vedere, sapendo che proprio i bambini sono uno dei pubblici più difficili da domare.

Il teatro affollato rende giustizia a questo esperimento mattutino e regala il più bello dei messaggi che perfino gli adulti possono capire, mentre i bambini non ne hanno mai neppure dubitato: “L’importante è vedere bene col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. Ciò che i bambini dicono spontaneamente a voce alta, liberati dall’obbligo del silenzio tipico dei teatri, è davvero molto divertente!


Barclays Teatro Nazionale - Via Giordano Rota 1, 20145 Milano
Per informazioni e prenotazioni: info line pubblico 02/00640888 (dal mercoledì al sabato dalle 15.00 alle 18.00), ufficio prenotazioni scuole 02/00640835 - 02/00640859 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 17.00)
Orario spettacoli: dal 31 gennaio al 14 maggio, sabato e domenica ore 10.30 (esclusi il 4 e 5 aprile), per le repliche scolastiche il mercoledì e giovedì sempre alle 10.30
Biglietti: bambini € 12, adulti € 18, nonni accompagnati da almeno un bambino € 15.50

Articolo di: Daniela Cohen
Grazie a: Lia Chirici, Ufficio stampa VerbaVolant
Sul web: www.teatronazionale.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP