Il Giardino - Teatro Leonardo (Milano)

Scritto da  Daniela Cohen Domenica, 12 Gennaio 2014 

Al Teatro Leonardo il nuovo anno inizia con ‘Una fiaba sottovoce che racconta senza parole’, ovvero "Il Giardino", titolo di uno spettacolo dolcissimo proposto per le feste del 5 e 6 gennaio ma che spero possa essere replicato, visto quanto era bello! Lo hanno apprezzato comunque un bel po’ di bambini, accompagnati da genitori pure loro piuttosto sognanti, alla fine. Ma partiamo dal principio: una giovane donna, la regista e autrice Susanna Baccari, introduce quanto accadrà alle sue spalle e indica una pedana in posizione leggermente diagonale, così da far ben vedere ai più piccoli quanto avviene. “Con la vostra immaginazione, questa pedana con le lucine che vedete dietro di me prenderà forma e diventerà tantissime cose, come per magia… Non abbiate paura del buio, andrà tutto bene…”. E il teatro si immerge nelle tenebre.

  

IL GIARDINO
Una fiaba sottovoce che racconta senza parole
ideato e diretto da Susanna Baccari
con Isabella Perego, Elisa Rossetti
musica Gipo Gurrado
scene e costumi Anna Bertolotti
assistente Elena Colombo
disegno luci Monica Gorla


"Non è facile avere un bel giardino: è difficile come governare un regno"
Hermann Hesse

 

 

Finché il buio viene illuminato debolmente da un luccichio bluastro che si riverbera sulla pedana, illuminata da piccole lucine gialle, mentre sul fondo sembra apparire una specie di bestiola non identificabile, che si muove e cambia forma, finché si poggia in fondo alla pedana e sopra vi appare magicamente qualcosa che sembra proprio una casetta: sì, c’è pure la porta e la finestra illuminata e la casetta sta sopra un’isola, ecco cos’è, un’isola di fronte a quello che evidentemente è il mare, di notte, con barche dotate di lampade, al largo…


Una colonna sonora coinvolgente propone suoni epici di quando si fanno viaggi molto avventurosi senza testimoni: una musica profonda, intensa, che accompagna la visione marina. A poco a poco le lucine si spostano e la casina, l’isoletta su cui stava e le barche del mare, tutto lentamente scompare nel buio… E ora c’è una musica gioiosa, appaiono oggetti che ‘ballano’ mollemente sul bordo della pedana mentre piccole manine si mostrano e scompaiono, salutando con cenni allegri, correndo e saltando di qua e di là.


Quindi, sempre in fondo alla pedana, piccoli piedi, e poi gambe a questi attaccati, appaiono, si piegano, s’incrociano, si infilano in scarpette e, finalmente, appaiono due ragazze dai volti simpatici che poggiano due seggiole sulla pedana, diversi vasi di varie grandezze, scompaiono, riappaiono, giocano fra loro, rotolano abilmente avanti e indietro, sistemano i vasi, un orsacchiotto e diversi altri oggetti.


Sono Isabella Perego ed Elisa Rossetti, belle e brave, che passeggiano attorno a questo loro nuovo spazio così creato, lo spazzano per tenerlo pulito, lo arieggiano con grandi ventagli, lo illuminano, annaffiano, si danno molto da fare e infine decidono di riposare, ovviamente in pose buffissime. La suggestione ormai creatasi fra il pubblico e il palco permette di ‘vedere’ qualsiasi cosa e così i bambini, ridendo e un po’ spaventandosi, osservano un vaso colmo di amore che s’illumina.


Le due ragazzine si abbracciano, sono felici e ballano col vaso, dentro al quale un semino sta per aprirsi alla vita. Passa il tempo e infine il vaso mostra un meraviglioso grande e bellissimo fiore luminoso, che renderà stupendo il nuovo giardino: difatti la pedana ora si riempie di foglie, fiori e petali e le due ragazze giocano sempre assieme anche sotto forma di pupazzetti, accanto alla casina, riapparsa sul fondo, con alberelli, tante altre piante, l’orsacchiotto sotto un cespuglio e tanti colori per un paesaggio da sogno.


“C’era una volta un piccolo semino, diventò un giardino… in un posto molto lontano…”. Finisce lo spettacolo, così coinvolgente anche grazie alle scene di Anna Bertolotti che ha creato pure i costumi e all’ottimo disegno luci di Monica Gorla, che ha prodotto anche le illustrazioni. Come se non bastasse, una merenda viene offerta a tutti, nel foyer, con tante cose buone e ancora un po’ di allegria e di sorrisi per piccoli e grandi. Fantastico!

 

 


Teatro Leonardo da Vinci - via Ampère 1 (angolo Piazza Leonardo da Vinci), 20131 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/26681166, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario degli spettacoli: 5 e 6 gennaio ore 16.30
Biglietto unico: 10 euro, a seguire merenda


Articolo di: Daniela Cohen
Foto di: Roberto Rognoni
Grazie a: Anna Dotti, Ufficio comunicazione Quelli di Grock - Teatro Leonardo da Vinci
Sul web: www.teatroleonardo.it

 

 

TOP