Il complesso di Antigone - Teatro Elettra (Roma)

Scritto da  Elena Tenga Sabato, 12 Dicembre 2015 

La Compagnia Coturno 15 porta in scena, da giovedì 10 a domenica 13 dicembre, al Teatro Elettra di Roma, lo spettacolo teatrale "Il complesso di Antigone" per la regia di Johannes Bramante.


Compagnia Coturno 15 presenta
IL COMPLESSO DI ANTIGONE
di Johannes Bramante
con Francesca Accardi e Beatrice Messa
costumi Kei Raffael
assistente alla regia Sarah Nicolucci

 

La scena è spoglia, fondale nero, solo uno specchio che riflette una fioca luce sulla parete ed un cubo che illumina il profondo buio, non solo quello esteriore, ma anche quello dell'animo umano.

La messa in scena che è stata realizzata è frutto di un lungo lavoro sulla trama drammaturgica, scritta dallo stesso regista Johannes Bramante; una riscrittura della storia di Antigone, basata sull'incontro tra parola attuale e versi, in cui il mito viene osservato dal punto di vista di una donna che ha subito il trauma della perdita di un amore.

Il messaggio che il regista intende trasmettere risulta particolarmente a fuoco. Attraverso la metafora del mito ci conduce nella realtà dei nostri giorni e nella situazione storica attuale, in cui le due donne Antigone (Francesca Accardi) e Ismene (Beatrice Messa) si ritrovano a confrontarsi con dei fatti di cronaca, che vanno ben al di là della vita quotidiana, e che coinvolgono l'umanità intera. Si tratta di una riflessione sulla vita e sulla morte e su come nel ciclico perpetuarsi della storia le situazioni si ripetano per colpa della natura dell'uomo che, sin dai remoti tempi biblici, ha agito in nome di un Dio, trovando giusto distruggere intere civiltà.

Le due attrici riescono a sostenere un dialogo, che si trasforma in un monologo raccontato a due voci. Come se alla fine quel dolore le unisse al punto di tramutarle in una sola persona. E l'unico mondo in cui sembra si possa trovare un rifugio è un universo immaginario in cui costruirsi una vita parallela, dove tutto sia differente. Ma, come afferma Ismene, si arriverà sempre ad un bivio dove bisognerà compiere necessariamente una scelta, e questa comporterà poi che la nostra vita o rimanga esattamente uguale a prima, oppure subisca un cambiamento radicale, la cui strada, una volta intrapresa, non offrirà l'opportunità di tornare indietro.

 

Teatro Elettra - via Capo d’Africa 32, 00184 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 349/3307191, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: tutti i giorni ore 21, domenica ore 18

Articolo di: Elena Tenga
Grazie a: Ufficio stampa Teatro Elettra
Sul web: www.teatroelettra.org

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP