Garden Party - Teatro Franco Parenti (Milano)

Scritto da  Sabato, 11 Gennaio 2020 

Il Teatro Franco Parenti ha festeggiato l’ultimo giorno dell’anno passato e la prima settimana del 2020 con “Garden Party”: una creazione collettiva della francese Compagnie N°8, diretta da Alexandre Pavlata, e portata in scena da nove meravigliosi interpreti che danno luogo ad una vera e propria festa di linguaggi espressivi a cui manca solo la parola!

 

Compagnie N°8 (Francia) presenta
GARDEN PARTY
creazione collettiva di Stefania Brannetti, Carole Fages, Susanna Martini, Frédéric Ruiz, Charlotte Saliou, Julien Schmidt, Christian Tétard
interpreti Benjamin Bernard, Stefania Brannetti, Grégory Corre, Carole Fages, Matthieu Lemeunier, Fabrice Peineau, Hélène Risterucci, Frédéric Ruiz, Charlotte Saliou
regia Alexandre Pavlata
produzione Quartier Libre

 

Siete gentilmente invitati a una serata dove esploderanno la follia, l’incredulità e l’ironia”, è questo il coraggioso invito fatto all’entrata dell’immaginifico mondo di “Garden Party”, divertente e sfrontata allegoria di una grottesca borghesia in via di estinzione. Una lenta decadenza raccontata da questi magnifici artisti con grande energia, ironia e sarcasmo, attraverso un linguaggio originale che combina i codici della danza, del mimo, dell’opera e del circo.

La francese Compagnie N°8 dà vita ad uno show unico, piacevolmente scorretto e ibrido, capace di mescolare una serie di sketches dove lo spirito dei Monty Python e quelli di Tarantino e di Nadine De Rotschild si incontrano.

In scena gli attori ondeggiano tra un paradosso e l’altro, in un mare di emozioni in burrasca. Volano letteralmente sopra la testa degli spettatori. Fluttuano tra una dimensione e l’altra dell’animo umano, calato in un contesto spesso artificioso. Lanciano dal palco banane, ossi di cane, noccioline e oggetti che diventano strumenti narrativi capaci di mostrare un regno dove abbondano la superficialità e il nonsense.

I protagonisti del “Garden Party” non parlano, si limitano ad emettere suoni, sillabe, grugniti, delegando tutta la forza comunicativa a memorabili espressioni facciali, canti e sincroniche movenze. Tra risate e champagne, duelli e rifiuti, ferite e discorsi senza senso, gli invitati alla festa sono dei clown, dei buffoni contemporanei, indisciplinati e provocanti. Sono feroci e ingenui allo stesso tempo, rappresentanti di un mondo incongruente e inconcludente. Ma che può anche essere bello e pieno di poesia.

Con humor, destrezza e picchi di realismo, ci si ritrova guidati tra le strade meno esplorate della natura umana, caratterizzate da avidità e istinti primordiali spesso soffocati da una continua ricerca di intrattenimento. Non c’è spazio per approfondimenti. Giusto il tempo per l’ennesimo bicchiere di champagne prima del dessert. Non importa se non si è ancora digerito l’antipasto, lo show deve continuare. Buon anno a tutti!

 

Teatro Franco Parenti (Sala Grande) - Via Pier Lombardo 14, 20135 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/59995206, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: martedì 31 dicembre ore 21.45, mercoledì 1 gennaio ore 18; dal 2 al 6 gennaio giovedì ore 21, venerdì ore 20, sabato ore 20.30, domenica ore 16.15, lunedì ore 20
Biglietti: I settore intero 38€; II, III e IV settore intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€; last minute Under 26 10€
Durata spettacolo: 1 ora e 10 minuti

Articolo di: Alessandra Quintavalla
Grazie a: Francesco Malcangio, Ufficio stampa Teatro Franco Parenti
Sul web: www.teatrofrancoparenti.it

TOP