Fight Club - Teatro Trastevere (Roma)

Scritto da  Enrico Vulpiani Giovedì, 13 Marzo 2014 

Dal 4 al 23 marzo. Qualcuno molto solo, ansioso e disperato potrebbe anche ridursi a frequentare, abusivamente, gruppi di ascolto per persone malate di mali incurabili. Ciaaaaaaao soloansiosoedisperaaaatooo! Se li contende e spariglia con Marla Singer, la sua inconsapevole donna, alienata quanto e più di lui. Qualcuno molto insonne vede scorrersi le giornate veloci in fondo agli occhi, senza soste e senza senso, finchè incontra Tyler Durden… e booooooom! Tutto esplode, per prima la sua casa, poi le sue false certezze, la sua omologazione, la sua sindrome da membro del gregge consumista, la sua mente. La sua mente che sgorga fuori dalle ferite, quelle dei combattimenti del club clandestino, quelle del sistema da scardinare, quelle dell’amico da seppellire. Esplode la serratura dell’Io. La prima regola del Fight Club è…

  

 

Ass. Cult. Cattive Compagnie e Compagnia Mauri Sturno presentano
FIGHT CLUB - LA PRIMA REGOLA
regia Leonardo Buttaroni
con Diego Migeni, Cecilia Cinardi, Alessandro Di Somma, Marco Zordan, Yaser Mohamed, Matteo Fasanella, Leonardo Buttaroni
scenografia Paolo Carbone
musiche originali Filarco

 

 

L’unica regola di questa recensione sarà: “non parlare dello spettacolo”. Quindi non vi parlerò della intelligente e brillante trasposizione teatrale del testo di Chuck Palahniuk, messa in scena dalle Cattive Compagnie, vincitori del primo Roma Fringe Festival e outsiders della platea newyorkese con il loro “Horse Head”.


Non vi parlerò della efficace e versatile scenografia, delle pareti double-face che ottenevano lo scopo di riuscire a cambiare ambiente, girando su loro stesse, dei tapis-roulant su cui lasciavano scorrere le nostri notti e la vita. Non vi parlerò dell’accorto e sobrio uso delle immagini. Non sperate che vi accenni al bel lavoro sul corpo realizzato dagli attori.


Non illudetevi che faccia il minimo riferimento alla caratterizzazione puntuale, con ironica drammaticità, dei personaggi, tratta dal regista Leonardo Buttaroni. Non vi parlerò della bravura di Alessandro Di Somma nei panni di un alter Ego delirante, ma di un'umanità vera e divertente, tantomeno di quella di Diego Migeni in quella del reale Tyler Durden, che poco a poco prende coscienza della sua anima profonda e di quella del mondo.


Non otterrete mai una parola sulle impazzite “scimmie spaziali”, sugli improbabili gruppi d’ascolto, sulla brava e pazientissima Marla “Cecilia” Singer Cinardi. Insomma, io e voi non ci siamo mai letti e non vi ho mai consigliato di andarlo a vedere! Come cosa? Ma "Fight Club"… dannazione mi avete turlupinato! Quindi ora correte al Teatro Trastevere prima che vi sguinzagli dietro quegli squinternati costruttori di sapone!

 

 

 

Teatro Trastevere - via Jacopa de’ Settesoli 3, 00153 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 065814004 / 3341277400, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: ore 21, domenica ore 18



Articolo di: Enrico Vulpiani
Foto di: Manuela Giusto
Grazie a: Ufficio Stampa Marta Volterra
Sul web: www.teatrotrastevere.it

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP