Femminarium - Teatro Linguaggicreativi (Milano)

Scritto da  Sabato, 24 Giugno 2017 

In scena all'interno del festival F.I.L. MilanOff una divertente e brillante commedia intitolata “Femminarium”, per ridere delle donne e con le donne ma soprattutto per ridere degli uomini perché ormai si sa: gli uomini sono le nuove femmine! In scena tre attrici che fanno per 1000, delle vere forze della natura che non vi lasceranno indifferenti con la loro verve.

 

FEMMINARIUM
di Andrea Monti
con Lisa Recchia, Nicoletta Tulli, Giorgia Valeri, Umberto Papadia
luci Lisa Recchia
musiche originali ed eseguite dal vivo da Umberto Papadia
costumi Angela Di Donna e Valentina Di Geronimo
produzione Dupla Carga e Nuovo Teatro San Paolo

 

"Pensavo fosse amore, e invece era una guerra". Una frase pessimista, direte, l'ennesima visione acida della vita e dell'amore spiegata da delle zitelle incattivite. Ebbene no, ci troviamo di fronte a delle amazzoni che piene d'ironia ed energia ci fanno ridere per oltre un'ora delle debolezze di noi donne, ma guardandoci a confronto con l'altra metà del cielo: gli uomini, che ormai sempre più sembrano essere diventati il "sesso debole". Sì, perché le tante tipologie di femmine che vediamo rappresentate in questo "bestiario al femminile" (da cui appunto il titolo “Femminarium”) sono solo apparentemente stereotipate e tenute in piedi dai luoghi comuni: in realtà, in ognuna di loro, si nascondono infinite sfaccettature sempre rese con quella parlata romanaccia che fa tanto autentico e garantisce la risata: una risata a volte di pancia, a volte amara, altre volte strettamente collegata a riflessioni profonde.

Le tre attrici in scena che in questa occasione sono in formula ridotta (nel testo originale ne sono previste cinque), sono le bravissime Lisa Recchia, Nicoletta Tulli e Giorgia Valeri: un trio di bellezza, talento attorale ed energia che le fa apparire come fossero cento donne diverse in scena; in questo viaggio tra le tante sfumature dell'essere donna, le tre protagoniste sono accompagnate dal satiro/menestrello Umberto Papadia, bravissimo musicista e autore delle musiche originali e degli arrangiamenti di brani famosi che scandiscono il ritmo incalzante di questo spettacolo. Ognuna di noi donne potrà riconoscersi con ironia nella donna aggressiva, in altri aspetti si rivedrà in quella passiva, altre volte in quella innamorata o magari in quella disillusa, quella che cerca un uomo e quella che si fa cercare. È un'opera in cui il ritmo non lascia tregua e la risata è sempre dietro l'angolo come anche la possibilità di riflettere, di suscitare un processo di catarsi tanto nelle donne - che si rivedranno nello spettacolo - quanto negli uomini che potranno ridere di se stessi ma anche delle amiche, mamme, fidanzate che sicuramente ritroveranno in alcuni atteggiamenti portati in scena.

Quello che stupisce è che lo spettacolo sia scritto da un uomo, eppure l'ironia non è mai volgare, il tocco con cui tratteggia le varie tipologie di donne non è mai velato di vittimismo o di senso di sconfitta ma di volitiva presa di posizione, per questo un plauso in più va ad Andrea Monti (autore e regista del testo) non solo per questo testo sagace e brillante scritto con abilità, ma anche per la capacità di gestire una regia che con pochissimo (e soprattutto con l'abilità di tre bravissimi attrici) riesce a creare mondi, situazioni, contesti davvero variegati e riuscitissimi.

 

Teatro Linguaggicreativi - via Eugenio Villoresi 26, 20143 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/39543699, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: venerdì 16 giugno ore 17.45, sabato 17 giugno ore 16, domenica 18 giugno ore 17.45
Biglietti: intero 10€, ridotto 8€, FIL Card 8€

Articolo di: Emanuela Mugliarisi
Sul web: https://milanooff.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP