Erano tutti miei figli - Teatro Quirino (Roma)

Scritto da  Sabato, 01 Aprile 2017 

Dal 28 marzo al 2 aprile. Un nucleo familiare, privato di un figlio disperso in guerra da tre anni, grazie all’intervento della giovane fidanzata scopre come il padre, industriale, per accrescere i propri profitti, abbia venduto parti d’aereo difettose all’aeronautica militare e causato così la morte di 21 piloti, tra i quali, probabilmente, anche il figlio. Rigirando il coltello nelle piaghe della società americana del secondo dopoguerra, Arthur Miller infrange gli ideali della famiglia, del successo e del denaro.

 

Produzione Teatro della Città - Catania presenta
ERANO TUTTI MIEI FIGLI
di Arthur Miller
con Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini
regia Giuseppe Dipasquale
e con Filippo Brazzaventre, Barbara Gallo, Enzo Gambino, Liliana Lo Furno, Giorgio Musumeci, Ruben Rigillo, Silvia Siravo
traduzione Masolino D’Amico
scene Antonio Fiorentino
costumi Silvia Polidori

 

Giuseppe Dipasquale porta sul palcoscenico del Teatro Quirino l’amara critica di Arthur Miller ad una società che non si fa scrupoli a sacrificare vite umane per il puro profitto economico ed il benessere personale.

La scenografia, che rimarrà la stessa per tutti i 120 minuti della rappresentazione, rispecchia l’aridità degli animi dei protagonisti: bianca, fredda, artificiosa, la veranda di plexiglass che separa le poltroncine borghesi dall’albero piantato in memoria del figlio disperso durante la guerra, poi divelto dalla tempesta, non è altro che un “container” claustrofobico, dove la vita dei nostri protagonisti appare cristallizzata, in un tempo-non tempo fatto di menzogne raccontate a se stessi prima ancora che agli altri.

Mente Joe (Mariano Rigillo), l’affabile ma spietato magnate dell’industria bellica, che non si è fatto scrupoli, a suo tempo, nel certificare una partita di pezzi difettosi destinati all’aviazione americana, rendendosi reo della morte di 21 giovani soldati e scaricando le responsabilità sul suo debole socio. Mente Kate (Anna Teresa Rossini), la moglie, che nasconde alla sua mente la realtà di un figlio defunto e, quindi, il pensiero che sia il marito il responsabile di questa morte, in un’infinita illusione portatrice di vita e morte allo stesso tempo. Mente Ann (Silvia Siravo), a suo tempo ragazza del giovane figlio defunto e ora futura sposa del fratello di lui Chris, che conosce da anni la verità ma la occulta per preservare la serenità della famiglia borghese. Mente Chris (Ruben Rigillo), a se stesso in primo luogo, nel non riconoscere nel padre nessun segno di colpevolezza per quanto accaduto, assolvendolo ciecamente dentro di sé. Mentono tutti i vicini, che da sempre sapevano a chi imputare le colpe, in un perenne stato di ipocrisia diffusa.

Il fulmine che durante la tempesta spezza il ramo dell’albero commemorativo, spezzerà anche la vita splendente e di facciata della famiglia Keller, portando a galla scomode verità ed insinuando, di minuto in minuto, il senso di colpa nel cuore di Joe, reso umano dalla straordinaria ed intensa interpretazione di Mariano Rigillo, senz’altro il fiore all’occhiello di questo spettacolo, fino a portarlo al suicidio. Suicidio che si tramuta in un’azione di espiazione per aver portato alla morte il proprio stesso figlio, suicidatosi per il peso di non riuscire ad accettare il crimine commesso dal padre, ma anche gli altri 21 giovanissimi aviatori poiché, in fondo, come lui stesso affermerà al termine dello spettacolo, “erano tutti miei figli”.

 

Teatro Quirino - via delle Vergini 7, 00187 Roma
Per informazioni e prenotazioni: botteghino 06/6794585, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari spettacoli: da martedì a sabato ore 21, domenica ore 17, giovedì 30 marzo ore 17
Prezzi: martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato pomeriggio platea € 30 (ridotto € 27), prima balconata € 24 (ridotto € 22), seconda balconata € 19 (ridotto € 17), galleria € 13 (ridotto € 12); sabato sera e domenica platea € 34 (ridotto € 31), prima balconata € 28 (ridotto € 25), seconda balconata € 23 (ridotto € 21), galleria € 17 (ridotto € 15)

Articolo di: Serena Lena
Grazie a: Paola Rotunno, ufficio stampa Teatro Quirino
Sul web: www.teatroquirino.it

TOP