Effimera - Teatro Argot Studio (Roma)

Scritto da  Venerdì, 09 Ottobre 2015 

Apre la stagione del Teatro Argot Studio lo spettacolo "Effimera", monologo inedito di Stefano Benni, da lui diretto a quattro mani con Viviana Dominici, ed interpretato dalla giovanissima Dacia d’Acunto. Una riflessione profonda ed ironica sul tema dell’apparire e una densa analisi del senso dell’esistenza grazie a una ricca scrittura e ad un’attrice con voce e corpo al servizio del testo, oltre a una atmosferica messa in scena.

 

Argot Produzioni presenta
EFFIMERA
di Stefano Benni
con Dacia d’Acunto
regia Stefano Benni e Viviana Dominici
scenografia Pietro Perotti
costumi Lucrezia Farinella
disegno luci Giuseppe Filipponio
suono Fabio Vignaroli
assistenza tecnica Daria Grispino
foto e grafica Manuela Giusto

 

Il ritorno di Stefano Benni a teatro regala una metafora godibile ed intensa sulla vita di una donna, nella forma di una farfalla, con un po’ di sapore fiabesco e un po’ di riflessione divertita e amara sull'esistenza; come anche un’accennata e sottile denuncia sull’inquinamento e il confinamento cui sono costretti il verde e la natura in città.

La messa in scena parte da un disegno luci sapiente che illustra il ciclo vitale della farfalla dall’alba al tramonto, illuminando questo piccolo essere alato che emerge da un bozzolo e si fa largo tra fiori, piante e funghi disegnati come a comporre, nella scenografia, un luogo sospeso tra realtà e sogno.

Effimera inizia il suo breve ma intenso percorso nel mondo come una bambina che inventa nomi fantasiosi per i fiori che scopre intorno a sé. Qui la ricchezza linguistica del testo mostra le caratteristiche per cui l’autore è tanto amato. Quello che svolge con perizia la scrittura teatrale è l’abilità nel paradosso del contenere i desideri di una donna nel tempo biologico di vita di una farfalla.

Così dal bozzolo esce una bambina con la voglia di imparare tutto da sola e poca voglia di ascoltare. Lanciata nelle scoperte della vita e nella sua frenesia, fino alla maturità di una donna e alla paura della morte di un’anziana. In mezzo c’è la scoperta dei nomi delle cose, i fugaci rapporti con l’altro sesso, la socializzazione con il diverso da sé, le feste.

L’attrice Dacia d’Acunto dona la sua duttilità vocale ed elasticità fisica per dare corpo e pensieri a questa farfalla che impersona una bambina, ragazzina e donna.

Lo spettacolo si svolge con una relativa brevità in una densa espressione di divertimento ed emozione nel rendere, attraverso la ricca scrittura e la sua rappresentazione, il concetto di quanto effimera sia la vita, con gioie e sfumature, fino ad un sentito appello a vivere l’esistenza intensamente, soprattutto pensando a chi non può farlo.

 

Teatro Argot Studio - via Natale del Grande 27, 00153 Roma (Trastevere)
Per informazioni e prenotazioni: telefono | fax 06/5898111, mobile 392 9281031, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21:00, domenica ore 18:00
Biglietti: 12 euro; 10 euro; 8 euro - tessera associativa obbligatoria

Articolo di: Andrea Di Cosmo
Grazie a: Giulia Taglienti, Ufficio Stampa Argot Studio
Sul web: www.teatroargotstudio.com

TOP