Donna Numero 4 - Giardini dell'Accademia Filarmonica Romana (Roma)

Scritto da  Venerdì, 31 Luglio 2015 

Eleonora Danco ritorna in scena nella sua amata Roma, tra i pini dei Giardini della Filarmonica Romana. Lo fa con un dittico di suoi atti unici: “Donna numero 4” (che dà il titolo all’intero spettacolo), un racconto scritto sotto commissione e con il patrocinio dell’Expo di Milano 2015, che ha come tema proprio quello della nutrizione del pianeta, e “Squartierati”, monologo nato come omaggio alla produzione letteraria ed alla figura di Elsa Morante, su committenza del Festival delle Letterature.

 

Compagnia Eleonora Danco presenta
DONNA NUMERO 4
di e con Eleonora Danco

 

Eleonora Danco affronta il tema della nutrizione commissionatole da Davide Rampello per l’Expo di Milano, con i suoi ormai caratteristici stile e tematiche, trasportandoci al di là dall’attualità e dalla critica, dei giudizi e della cronaca, in un territorio molto più intimo e nascosto che è quello dei conflitti interiori della protagonista, ma anche di ciascuno di noi, in relazione alla vita.

Al centro dello spettacolo il flusso di coscienza di una donna che ha deciso di vivere imponendo a se stessa un vero e proprio programma di alimentazione: tale metodo le sarà utile a cancellare i ricordi, a rendere il proprio corpo completamente plasmabile e svuotato da ogni traccia di memoria. Il cibo diventa per la nostra protagonista un vero e proprio scopo di vita: l’alimentazione non ammette defaillance, fino a diventare una misura dei propri errori, una trappola nella quale non cadere.

In scena, con lei, delle sagome mute rappresentano l’inconscio del personaggio, il continuo movimento che esiste ai margini della consapevolezza.

Eleonora riempie la sua pièce di odori e sapori che toccano i ricordi di tutti, quello della scamorza affumicata ad ora di pranzo, dei fritti, dei profumi e degli odori sempre più esotici che inondano il pianerottolo ad ora di cena, tutti odori che obbligano alla memoria. Ma come è possibile guardare al futuro se tutto quello che ti circonda ti riporta al passato?

Attraverso un ritmo incalzante, spiazzante, una mimica e una fisicità talmente imponente da ricordare una effettiva lotta (l’attrice sul palco si dimena, si rotola per terra, si spoglia), la Danco riesce a rendere perfettamente l’ossessività di un comportamento al limite della sanità mentale. L’autrice ci fa sorridere e riflettere, raccontando con straordinaria efficacia e trasporto, con rabbia e disperazione ma anche innegabile poesia, un mondo che in fondo riguarda ognuno di noi.

Tre donne che mangiano a morsi una grande fetta rossa di anguria rappresentano il siparietto che separa i due atti unici.

Quella, o meglio quelli, che appariranno, dopo l’anomala interruzione, sulla scena attraverso la voce della Danco sono uomini e donne, vecchi e giovani, che contribuiranno, con le proprie voci, a delineare l’evoluzione di San Lorenzo, quartiere di Roma nato come popolare, ma poi diventato territorio degli studenti e della parte più trasgressiva della gioventù capitolina.

La Danco si rivolge alle persone del popolo attraverso le loro stesse voci, abbracciando più e più volte il gergo romanesco, per raccontare con malinconia il lento percorso verso l’omologazione di uno dei quartieri più genuini di Roma, quello descritto dalle parole di Elsa Morante, ora completamente defraudato della sua autenticità.
Forti applausi scroscianti attendono l’attrice romana sul palco: ancora una volta, l’emozionante flusso di parole, la recitazione sincera e brutale, l’ironia e la poesia arroganti e spietate della Danco, hanno conquistato il pubblico.

 

Giardini della Filarmonica Romana - via Flaminia 118, 00196 Roma
Per informazioni e prenotazioni: 06/3240098, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , prenotazioni ristorante 320/6452158
Orari botteghino: 08 - 14 Luglio, 11-13/ 15-18; 15 Luglio - 13 Agosto, 17 - 22.30)
Orario spettacoli: ore 21.30 (in caso di pioggia gli spettacoli si terranno nella Sala Casella)
Biglietti: intero euro 15, ridotto euro 13, gruppi euro 10


Articolo di: Serena Lena
Grazie a: Nicola Conticello e Marco Giovannone, Ufficio stampa NC Media
Sul web: www.filarmonicaromana.org

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP