Diario di una donna diversamente etero - Teatro Filodrammatici (Milano)

Scritto da  Sabato, 15 Novembre 2014 

Sono stati cinque gli spettacoli a tematica LGBT, proposti dal 6 al 9 novembre all’interno del Festival Illecite Visioni, spazio riservato al teatro omosessuale, promosso dal Teatro Filodrammatici di Milano, in collaborazione con Cig, Centro d’ Iniziativa Gay, sotto la direzione artistica di Mario Cervio Gualersi. Tra questi, in prima nazionale, Le Brugole hanno presentato una loro produzione: "Diario di una donna diversamente etero", con Annagaia Marchioro e Roberta Lidia De Stefano; i testi sono di Giovanna Donini e la regia di Paola Galassi.

 

DIARIO DI UNA DONNA DIVERSAMENTE ETERO
con Annagaia Marchioro e Roberta Lidia De Stefano
testi di Giovanna Donini
regia di Paola Galassi
produzione Le Brugole

 

Giovanna Donini, giornalista e autrice televisiva, prendendo spunto dalla rubrica sul web "Diversamente Etero", ha creato uno spettacolo che si articola in due parti: nella prima, Annagaia Marchioro e Roberta Lidia De Stefano danno vita alle pagine del diario di una ragazzina adolescente che si sente attirata non dai coetanei maschi, ma da una sua compagna di liceo; si raccontano, con toni scherzosi e un po’ canzonatori, le inquietudini e le sofferenze della ragazza ed il dolore che le provoca vedere comparire ogni giorno alla fermata dell’autobus la bellissima compagna, salire con lei sullo stesso, ed essere quasi incapace di rivolgerle la parola nel timore di tradire i suoi sentimenti mostrando un cedimento. Finito il liceo si ritroveranno e solo allora, grazie ad una maggiore consapevolezza di entrambe, potranno incontrarsi sentimentalmente. Nella seconda parte, le stesse attrici raccontano le vicende tragicomiche, i luoghi comuni, i piccoli segreti che ruotano attorno al mondo delle lesbiche. A metà tra cabaret e trasmissione televisiva, si susseguono piccoli aneddoti, racconti, sketch, interviste.

La regia di Paola Galassi si sofferma anche sui luoghi comuni, sorridendo bonariamente sulle false credenze che avvolgono il mondo omosessuale sia dall’interno che dall’esterno. Per esempio sono le lesbiche stesse a dirvi che per un trasloco è impossibile chiedere aiuto ai loro amici gay: metterebbero solo un cd e canterebbero in sottofondo. E non dite che le lesbiche hanno tutte i capelli corti: le due attrici ne sono la prova vivente. Del resto loro stesse ci raccontano che il nome scelto per la loro compagnia, “Le Brugole”, indica in realtà un piccolo arnese, la “brugola” appunto, che si trova in tutte le scatole dei mobili componibili Ikea. Infatti, continuano loro, mentre due gay si conoscono, vanno a letto e la mattina dopo si salutano riprendendo in solitudine la loro strada per il mondo, due lesbiche si conoscono, vanno a letto e la mattina dopo prendono, insieme, la strada per l’Ikea più vicino, facendo progetti comuni per il futuro.

Lo spettacolo sarà rappresentato anche domenica 16 novembre all’interno del Festival Mixitè One Shot dalle ore 16 all'ATIR Teatro di Ringhiera.

 

Teatro Filodrammatici - via Filodrammatici 1, 20121 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/36727550, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Atir Teatro Ringhiera - via Boifava, 17 piazza Fabio Chiesa (MM Abbiategrasso) - Milano
Per informazioni e prenotazioni: 380 4967939 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articolo di: Raffaella Roversi
Grazie a: Antonietta Magli, Ufficio stampa Teatro Filodrammatici
Sul web: www.teatrofilodrammatici.eu

TOP