Coma profondo - Teatro Millelire (Roma)

Scritto da  Mercoledì, 05 Dicembre 2012 

Dopo l’ottimo riscontro di pubblico e critica riscosso nell’ambito della rassegna L.E.T. del Cometa Off, la compagnia Full HD ripropone “Coma Profondo”, pièce scritta da Simone Iovino, in scena dal 27 novembre al 2 dicembre al Teatro Millelire. La regia è curata dalla coppia costituita dallo stesso autore e da Emilia Di Pietro, che ha avuto modo di cimentarsi nella direzione registica già lo scorso ottobre con “That's Amori”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Full HD presenta
COMA PROFONDO
scritto da Simone Iovino
con Edoardo Andreani, Josafat Vagni, Mariangela Calia e Matteo Vanni
diretto da Emilia Di Pietro e Simone Iovino
video Giacomo Cursi
scenografia e costumi Lusilla Voci

 

 

L’originale idea parte da una domanda, ovvero: cosa succederebbe se riuscissimo a dare voce alle varie anime che albergano la nostra identità con tutte le inafferrabili contraddizioni in conflitto perenne tra celate menzogne e inespresse verità?!?.
Così, nel tentativo di dare risposta a questa domanda, verremo catapultati in un viaggio nel cervello di un uomo che si trova in uno stato vegetativo per cause a noi sconosciute.
Ad accogliere il pubblico troviamo appunto il corpo inanimato di un uomo, la cui inquietante presenza viene subito smorzata dall’ingresso di lì a poco di Beckett, interpretato da uno spassosissimo ed enigmatico Matteo Vanni; a lui si aggiungeranno subito dopo Es, di cui veste i panni uno straordinario e divertente Josafat Vagni, accompagnato dal Super io, interpretato da una impetuosa ed istrionica Mariangela Calia.
Il loro ingresso in scena darà avvio ad una divertentissima lotta tra l’istinto di conservazione dell’uomo inanimato (un energico Edoardo Andreani), e le altre identità, attraverso cui avremo modo di scandagliare la sua vita degli ultimi vent’anni. Ma a ben vedere, attraverso l’analisi dell’ inconscio di un uomo apparentemente ormai innocuo, ripercorreremo la storia dell’ultimo ventennio del nostro paese fatta delle tipiche debolezze e del solito malcostume.
Dal confronto delle diverse anime che albergano la psiche del nostro protagonista emerge, in chiave ironica ma al tempo stesso arguta, la dinamica complessa che può caratterizzare la difficile ed inconsapevole lotta che avviene nell’inconscio di ognuno di noi, fatta di contraddizioni sommerse e istinti repressi.
La scenografia caratterizzata da tubi fluorescenti dai colori psichedelici, inseriti in una ambientazione semioscura, crea una efficace sensazione onirica che facilita la partecipazione da parte degli spettatori, agevolati ancor di più dalla particolarità della struttura architettonica del teatro, in cui le distanze tra il pubblico e gli interpreti sono ridotte se non totalmente annullate.
Il testo si destreggia tra una comicità esplicita e dialoghi acuti che danno vita a situazioni esilaranti ma al tempo stesso profonde, in cui l’elemento farsesco risulta essere un involontario amplificatore di quella denuncia nei confronti di una società degradata da cui siamo sempre più inconsapevolmente circondati.

 

 

Teatro Millelire - via Ruggero de Lauria 22, 00192 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/39751063, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: da martedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: intero 12€, ridotto 10€, tessera associativa 2€

 

 

Articolo di: Dino De Bernardis
Grazie a: Rocchina Ceglia, Ufficio stampa Teatro Millelire
Sul web: www.millelire.org

 

 

TOP