Appuntamento a Londra - Teatro della Cometa (Roma)

Scritto da  Giovedì, 04 Marzo 2010 
appuntamento a londra

Due amici d’infanzia e gioventù, entrambi peruviani, si ritrovano a Londra dopo molti anni durante i quali non avevano avuto più contatti. Nel loro incontro rivivono il passato, mescolando bei ricordi con brutte storie che credevano ormai sotterrate o delle quali, forse, ignoravano l’esistenza.

 

 

APPUNTAMENTO A LONDRA

di Mario Vargas Llosa

traduzione Ernesto Franco

regia Maurizio Panici

con David Sebasti e Pamela Villoresi

scene Francesco Ghisu

costumi Lucia Mariani

musiche Germano Mazzocchetti

luci Emiliano Pona

video Andrea Giansanti

 

Un’indagine sul tema dell’identità, sessuale ed individuale, e sulla vita “altra” che ciascuno di noi inventa, su cui fantastica, di cui piace raccontare e raccontarsi, perché non è possibile viverla davvero, alla luce del sole. Una storia che si svolge al limite tra realtà e finzione, tra vita e sogno, dove le identità dei personaggi si rincorrono, si respingono e si completano. Una pièce sull’amicizia, sul filo indissolubile che ci lega alle persone, un racconto pieno di colpi di scena che ci farà volare dai ricordi alla finzione, dalla malinconia al dubbio.

Due sono i protagonisti sul palco: David Sebasti che, con il suo piglio duro, porta sul palco la figura enigmatica e contraddittoria di Chispas, l’imperturbabile uomo d’affari che si rivelerà, invece, fragile sognatore; Pamela Villoresi, indiscutibile regina della pièce, nei panni di una donna, di un ex-uomo e di un uomo con la stessa abilità espressiva e la stessa credibilità, il cui personaggio Pirulo/Raquel si svelerà essere il vero fulcro della vicenda.

I colpi di scena si susseguono incessantemente, con lo stesso ritmo con cui i protagonisti si muovono, ballano, interagiscono, interpretano varie storie e vari personaggi, esplorando tutti i possibili intrecci delle loro vite, in bilico tra un mondo reale ed uno immaginario vissuto con una tale intensità da avere la stessa concretezza della vita vera. Il pubblico a propria volta rincorre le evoluzioni della storia e dei personaggi, incuriosito, pronto a catturare la vera identità dei protagonisti ed a distinguere e separare la realtà dall’immaginazione.

Ma è sempre possibile distinguere la realtà dall’immaginazione o la vita è fatta di un connubio inscindibile delle due cose? A questa domanda il testo di Llosa, sostenuto dalla scenografia di Francesco Ghisu e dalle musiche di Germano Marzocchetti, ci aiuta a rispondere, aprendo le nostre menti ad una serie di altre possibili visioni ed interpretazioni.

 

Teatro della Cometa

Via del Teatro Marcello 4, Roma

Telefono 06 6784380, 06 6784380

da martedì 9 a domenica 28 febbraio 2010

 

Articolo di: Serena Lena

Sul web: www.teatrodellacometa.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP