Allegro? Sì sì... ma non troppo - Teatro Olimpico (Roma)

Scritto da  Martedì, 05 Gennaio 2016 

Maurizio Battista è tornato in scena al Teatro Olimpico, con repliche dall'8 dicembre al 3 gennaio, per divertire il pubblico romano con "Allegro? Sì sì... ma non troppo", un esilarante one-man-show che mette sotto la lente d’ingrandimento della comicità le incongruenze e le stranezze dell’uomo.

 

ALLEGRO? SI' SI'... MA NON TROPPO
di e con Maurizio Battista
e con la partecipazione di Manuela Villa e Stefano Vigilante

 

Una serata informale per ridere, scherzare e fare tanta ironia. Maurizio Battista, consapevole dell’effetto comico provocato alla sua personalità spiccatamente popolare, in antitesi con quella dai tratti marcatamente boriosi del radical chic, concepisce così il suo nuovo lavoro e si diverte a giocare con il pubblico coinvolgendolo nelle gag ideate per offrire una lettura critica delle vicende umane. Lo show «Allegro? Sì sì... ma non troppo», andato in scena al Teatro Olimpico, è un condensato di fantasiose, quanto briose, riletture degli usi legati alla quotidianità di cui siamo, consapevolmente o inconsapevolmente, protagonisti o testimoni, a seconda delle circostanze.

Concentrandosi sui dettagli della vita che, ad una prima lettura, possono sembrare insignificanti, l’artista offre una versione spassosa di ogni singolo fatto raccontato. L’idea iniziale dell’esibizione è quella di partire dall’individuazione delle manie familiari che le festività natalizie si trascinano dietro anno dopo anno, per passare ad analizzare il rapporto uomo-donna, i connotati di una romanità marcata e fiera, le illogicità compiute negli anni dall’amministrazione capitolina. Sciorinando episodi e battute per oltre due ore senza affidarsi ad una vera trama, quanto piuttosto ad una scaletta che lascia ampio spazio all’improvvisazione, Battista porta avanti il suo one-man-show con la proiezione di una esilarante carrellata di cartelli buffi, insegne atipiche e fotografie scattate ai citofoni di alcuni palazzi i cui condomini possiedono cognomi a dir poco bizzarri.

Il monologo viene intervallato da un paio di sketch di Stefano Vigilante e dalla performance canora di Manuela Villa che, interpretando i due brani «Chiamo amore» (di cui è anche autrice) e «Un amore così grande», consente al mattatore di riprendere fiato e tornare in scena con la sua panoramica di idee curiose e trovate originali, capaci di prendere sempre in contropiede lo spettatore.

Ma al di là di tutto - delle risate suscitate dall’inconsapevole follia insita nella realtà, dai siparietti con gli astanti reinventati sera dopo sera e delle scenette beffarde -, lo spettacolo sa anche essere fortemente pungente con la sua capacità di mettere a nudo le insulsaggini del vivere quotidiano. Il comico romano ha scelto la strada dell’umorismo leggero per divertire il pubblico e, allo stesse tempo, per stimolare una certa riflessione sulla volubilità dell’uomo e sulle sue inevitabili stranezze.

Al ritmo di mille copie a replica, ogni sera Battista ha inoltre regalato alle donne presenti in sala il libro scritto a quattro mani con la compagna Alessandra Moretti, «Per Roma con mamma».


Teatro Olimpico - piazza Gentile da Fabriano 17, 00196 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06.32.65.991, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Prezzo Biglietti: poltronissima S € 38.00 (+€ 5.50 prevendita), poltronissima € 34.00 (+€ 5 prevendita), poltrona/prima balconata € 27,00 (+€ 4 prevendita), seconda balconata 22,00 (+€3 prevendita).
Prezzo biglietti sabato: poltronissima S € 40.00 (+€ 5.50 prevendita), poltronissima € 38.00 (+€ 5 prevendita), poltrona/prima balconata € 30,00 (+€ 4 prevendita), seconda balconata 22,00 (+€3 prevendita).

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Giorgio Cipressi, Ufficio stampa Comunicazione Globale Promotion
Sul web: www.teatroolimpico.it

TOP