Alice - Kamennoostrovsky Theatre (San Pietroburgo)

Scritto da  Martedì, 25 Dicembre 2018 

In questo spettacolo, come in “The Governor”, Andrey Moguchy svela la propria caratteristica di impatto visuale e scenografico di grande suggestione, dove l’energia e la forza si sposano con il sogno e una sorprendente eleganza fantasiosa. In primo piano la coralità dell’interpretazione - tutti gli attori sono convincenti e di altissimo livello - e una regia avvolgente rispetto allo spettatore. Il teatro di parola diventa un gioco di incantamento, quasi di prestigio, con momenti giocosi.

 

ALICE
testo Andrey Moguchy, Sergey Nosov, Svetlana Shchagina
direttore prove Andrey Moguchy
scenografia Maria Tregubova
compositore musicale Nastasya Khrusheva
costumi Eugenia Panfilova
assistente alla scenografia Valentina Ostankovich
video designer Konstantin Chepanovsky
interprete protagonista del popolo degli artisti della Federazione Russa Alisa Freindlich, Premio dello stato
interpreti Valery Ivchenko, Irute Vengalite, Gennady Bogachev, Geogy Shtil, Sergei Lossev, Anatoly Petrov, Eugeny Chudakov, Andrey Sharkov; Alexandra Maghelatova, Varvara Pavlova, Ekaterina Starateleva, Polina Timoshilova, Sergei Galich, Evgeny Slavsky
musicisti della BDT orchestra: Nastasya Khrusheva (piano), Vladimir Rosanov (bayan, sorta di filarmonica russa), Elena Raskova (violino)
da La Sonnambula, opera di Vincenzo Bellini, registrazione con Maria Callas
stage manager Liudmila Kuznetsova
Premi Russian National Award «Golden Mask» nominations «Best scenographer» (Maria Tregubova), «Best role» (Gennady Bogachev); Highest theatre prize of St.Petersburg «Golden sofit» nominations «Best female role» (Alisa Freindlich), «Best performance»

 

“Alice” (titolo originario “Alicia”) è la prima produzione di Andrey Moguchy dopo la sua nomina a direttore artistico del teatro Bolshoi di prosa, intitolato a G. A. Tovstonogov. Lo spettacolo ha debuttato nel 2014 sulla Seconda Scena del Bolshoi di prosa, il teatro Kamennoostrovsky.

Sebbene sia basato sull’opera di Lewis Carroll, “Alice” ha una storia moderna e originale e presenta tratti del tutto inediti. Lo spettacolo è andato in scena infatti solo grazie all’attrice Alisa Freindlich, una delle star indiscusse del teatro e del cinema sovietico e russo, membro della compagnia del teatro. In quest’opera, insieme alla scenografa Maria Tregubova, gioca con uno spazio che illustra la metafora “attraverso lo specchio” mettendo insieme fantasia e un tratto esistenziale estremamente tangibile.

Lo spettacolo si apre con una citazione dal film “Nostalghia” di Tarkovsky, “Bisogna tornare alle basi principali della vita senza sporcare l’acqua” e la memoria intesa anche come anamnesi interiore gioca un ruolo centrale. Alice, la protagonista, interpretata da Alisa Freindlich, si ritrova nella sua casa d’infanzia dove incontra ospiti strani e inattesi – persone che provengono da periodi diversi della sua vita in qualche modo associati nella sua mente ai personaggi del famoso racconto fantastico: il Cappellaio, il Bianconiglio, il Re e la Regina di cuori. Alla fine i fili riescono a ricomporre la tela della vita e la bambina - interpretata da una figura che ha il physique du rôle perfetto per la parte - si fa riconoscere: la protagonista ritrova così probabilmente la figlia ma anche la bambina che era in lei; per poi incontrare la madre, la Regina. Le tre età della vita sono tre generazioni o anche la stessa persona in tre momenti diversi e la composizione ricorda l’omonima opera di Gustav Klimt. Forse nel testo del regista non c’è la volontà di spiegare tutto, lasciando allo spettatore il privilegio del sogno. La protagonista compie un viaggio iniziatico e deve ricordare alcuni eventi significativi della propria vita per risolvere diversi indovinelli e riscoprire se stessa: quella piccola Alice che sapeva piangere e ridere, crescere e rimpicciolire, credere nei miracoli e sognare. Per la prima volta in tanti anni, seguendo le direttive di Moguchy, gli attori del Bolshoi di prosa - figure di spicco della compagnia e giovani attori – si trovano a stretto contatto con lo spettatore. Gli attori recitano il testo da loro composto sotto la supervisione di Moguchy durante le prove, basato su ricordi d’infanzia reali.

La messa in scena è straordinaria: un rivestimento in bianco del teatro, palchi compresi, lampadari e mobili, un effetto ovattato, onirico, fiabesco, ma anche un velo di malinconia e polvere che copre nel tempo la memoria e che a poco a poco si solleva ritrovando il passato e potendo così accedere al futuro. Il tema della sospensione tra sogno e realtà attinge pienamente al lato oscuro e psicanalitico della fiaba “Alice nel Paese delle meraviglie”, rivisitata in chiave moderna con molti cambiamenti, che è anche disorientamento. L’effetto paradosso è molto forte, non solo nel gioco della finzione ma anche del tempo che amplifica questa sensazione di sospensione e di perdita di punti di riferimento: lo spettacolo si svolge con ellissi successive di un tempo che passa e ritorna.

Interessante la composizione dello spettacolo: nella prima parte il pubblico è seduto sul palcoscenico e guarda la scena prendere vita nella platea e sui palchi; nella seconda la composizione è inversa con il pubblico seduto nella platea e nei palchi in una disposizione circolare, mentre al centro gli attori si muovono e i musicisti e qualche interprete finiscono sul palcoscenico al limitare delle scalette e dell’ingresso in platea. L’effetto è di totale immersione e in certi momenti di straniamento.

Un’opera complessa che meriterebbe una lettura del testo e forse una seconda visione.

 

Articolo di: Ilaria Guidantoni
Grazie a: Ufficio stampa Margherita Fusi
Sul web: www.premio-europa.org

Commenti   

 
#2 Purtroppo no...Guest 2018-12-26 18:19
Purtroppo temo di no, il sito ufficiale (https://bdt.spb.ru/) non offre la possibilità di una traduzione in inglese...

Mi spiace!
Andrea
 
 
#1 SITOKamennoostr ovsky TheatreGuest 2018-12-26 18:01
Buonasera,
esiste una versione in inglese del sito del Kamennoostrovsk y Theatre?
Grazie

Flavio Feniello
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP