Al nostro amore (happy hour) - Teatro della Cometa (Roma)

Scritto da  Domenica, 16 Novembre 2014 

In scena al Teatro della Cometa dall'11 al 30 novembre, lo spettacolo "Al nostro amore (happy hour)", testo e regia di Luca de Bei, con protagonisti Pia Lanciotti e Fabrizio Apolloni.

 

Produzione I Magi in collaborazione con Redcarpet presenta
Pia Lanciotti e Fabrizio Apolloni in
AL NOSTRO AMORE (HAPPY HOUR)
testo e regia Luca De Bei
scene Massimiliano Nocente
costumi Saverio Galeno
disegno luci Marco Laudando
aiuto regia Maria Castelletto

 

Molte cose, inaspettatamente, uniscono due personalità diverse, opposte, lontane tra loro per esperienza, età, estrazione sociale, e tratti caratteriali. E’ la complementarietà del bisogno, quando è funzionale alla caratteristica qualitativa dell’altro. Nel percorso verso la conoscenza reciproca, cominciata a colpi di un affilato e feroce ping pong dialettico, i protagonisti di “Al Nostro Amore”, virano lentamente verso l’allentamento della tensione che li unisce, contrapponendoli, all’inizio del loro incontro.

Appare subito chiaro, almeno in principio, che l’aggettivo del titolo ha un sottile doppio senso. "Nostro” non perché i soggetti siano legati tra loro dal sentimento citato, ma perché l’oggetto del contendere, Andrea, riveste un ruolo sentimentalmente importante per l’uno e per l’altra: oggetto d’amore di coppia omosessuale per lui, oggetto d’amore di madre ossessiva per lei.

Si giocherà tutto sul filo di una pungente schermaglia il match tra Leo e Francesca, i due protagonisti. Strategie verbali da parte di lei per demolire il valore della relazione tra Andrea e Leo, e tentativi maldestri per colpevolizzare la donna di essere stata una madre troppo oppressiva, l’intento di lui.

La sofisticata vena artistica di Luca De Bei, autore del testo e regista dello spettacolo, colora la pièce di un’intensità pregnante, dipingendo e tratteggiando con eleganza tutte le sfumature possibili in un incontro tra due sconosciuti, qui uniti - o meglio - divisi dal “loro amore”.

Francesca, donna matura solo apparentemente sicura di sé, e Leo, ingenuo e fragile, si affronteranno in dialoghi serrati, pungenti, in una godibilissima altalena di dominio e sudditanza reciproca. Il fervente contraddittorio sarà un’occasione ineludibile per portare alla luce, smascherandoli, difetti e fragilità di ognuno.

Entrambi insoddisfatti, delusi dalle loro esperienze di vita, inappagati, impauriti dall’incertezza del futuro, si affrontano in uno spietato duello verbale che porterà a scomode ma inevitabili prese di coscienza. L’allentamento della tensione, parallelamente a quello dei freni inibitori ispirato dai numerosi drink bevuti durante la conversazione, porterà i due personaggi allo svelamento delle proprie, autentiche, personalità. Senza più filtri, e con maggiori consapevolezze, abbandoneranno man mano la conflittualità iniziale per lasciar posto ad una più bonaria disponibilità soprattutto verso se stessi.

“Al Nostro Amore (Happy Hour)”, di cui l’autore sta già scrivendo il seguito, è una commedia intelligente, scritta con acuta e sensibile attenzione alle personalità dei personaggi, abilmente tratteggiate ed interpretate.

La cifra stilistica di Luca De Bei, qui improntata ad un’ironia sagace e ad un ritmo piacevolmente sostenuto, suggella la commedia con leggerezza mai superficiale, trattando temi delicati (l’educazione dei figli, l’omosessualità, le relazioni sentimentali, la paura di invecchiare) con arguta e raffinata sapienza.

L’interpretazione dei due protagonisti, in particolare quella di una strabiliante Pia Lanciotti, offre allo spettatore registri diversi, sempre ben calibrati, regalando un’ora e mezza di raffinato divertimento e riflessione profonda.

La scenografia, semplice e minimale, è di grande impatto visivo: un asse orizzontale che attraversa da un lato all’altro l’intero palcoscenico rappresenta efficacemente il bancone del bar, in un gradevole effetto lineare in cui i protagonisti saranno sempre posizionati frontalmente al pubblico, davanti a un luminoso fondale che riporta l’insegna del bar.

Una commedia deliziosa, ben confezionata, portata in scena con successo dal talento dei protagonisti e dall’eleganza artistica dell’autore, Luca De Bei, attento e sensibile conoscitore dell’animo umano.

Una profonda riflessione, con la leggerezza che una commedia può offrire, sulle ambiguità del nostro vivere quando è legato a stereotipi e omologazioni. Elementi che hanno il solo fine, spesso inespresso, di celare profonde e inconfessate solitudini.

Certamente da vedere, aspettando il sequel “Santorini - Happy hour alla greca”.


Teatro della Cometa - via del Teatro Marcello 4, 00186 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/6784380
Orario prenotazioni e vendita biglietti: dal martedì al sabato, ore 10:00 -19:00 (lunedì riposo), domenica 14:30 - 17:00
Orario degli spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21; il sabato doppio spettacolo ore 17 e ore 21; la domenica ore 17; giovedì 20 novembre solo spettacolo alle 17
Biglietti: intero platea € 25, 1° galleria € 20, 2° galleria € 18; ridotto platea € 22, galleria € 17, 2° galleria € 15

Articolo di: Isabella Polimanti
Grazie a: Ufficio stampa Maya Amenduni
Sul web: www.teatrodellacometa.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP