4.48 Psychosis - Teatro Argot (Roma)

Scritto da  Lunedì, 25 Ottobre 2010 
Elena Arvigo

Dal 19 al 31 ottobre. Elena Arvigo porta sul palco del Teatro Argot il monologo scritto da Sarah Kane, un percorso nel labirinto intricato della mente in cui la giovane scrittrice, e con lei l’abile interprete, si perde per non ritrovarsi mai più. Assolutamente da non perdere.

 

 

 

 

Associazione Culturale M 15 presenta

4.48 PSYCHOSIS

di Sarah Kane

con Elena Arvigo

regia Valentina Calvani

musiche Susanna Stivali

 

Un grido di dolore, quello portato in scena da Elena Arvigo sul palco del Teatro Argot, per la prima volta alle prese con un monologo. Il testo complesso ed autobiografico di Sarah Kane, scrittrice e poetessa inglese morta suicida poco dopo la stesura di questa ultima traccia, è un lucido flusso di coscienza sulla depressione, sulla rabbia e sulla solitudine, sulla linea sottile esistente tra delirio e realtà.

La giovane attrice italiana, reduce da un’esperienza con il celebre regista Alvis Harmenis, in “Le signorine di Wilko”, interpreta con il suo dirompente talento le parole della Kane in versione integrale.

Un flusso di coscienza, l’estremo, ininterrotto, che travolge e trascina il pubblico nel vortice di dolore e di rabbia, nella sofferenza di chi cerca amore, di chi è vittima di un amore impotente, suicida, non corrisposto. “I wanna be loved” dice la musica di sottofondo, una disperata richiesta di aiuto. Attimi di lucidità e di ribellione contro i dottori che cercano di curare con medicine sintetiche una malattia che è del tutto umana, fatta di troppo amore, di troppe emozioni. Attimi di follia in cui il sogno diventa realtà, in cui il destino viene raccontato dalle carte da gioco e deciso dai numeri nei bussolotti, in cui la propria vita viene riflessa, deformata, dai mille pezzi di vetro aguzzi che sono gettati alla rinfusa sul palco. La Arvigo supera se stessa interpretando con i gesti e con la mimica facciale lo sgomento, l’inquietudine e la tensione emotiva della giovane donna, che, ora per terra, ora in piedi su uno sgabello, ora seduta su una delle sedie posizionate nei vari angoli del palco, parla con lo sguardo vuoto, perso ma fisso sugli spettatori ed i nervi tesi, i piedi nudi che si contorcono e affondano e si sporcano nella terra gettata sul palco, che calpestano incuranti il vetro. D’altra parte ora ha davvero poca importanza ferirsi. Ora che sono le 4:48 del mattino, l’ora più buia, quella in cui resistere alla tentazione della morte è impossibile.

 

Teatro Argot – via Natale Del Grande 27, Roma

Per informazioni: telefono 06/5898111, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Costo biglietti, € 12,00 intero + 2 € di tessera, € 10,00 ridotto + 2 € di tessera.

Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21,00 - domenica e festivi ore 18,45

 

Articolo di: Serena Lena

Grazie a: Ufficio Stampa Rosario Capasso

Sul web: www.argot.it

 

TOP