KATMAI - Contatto EP (Autoproduzione, 2010)

Scritto da  Sabato, 25 Giugno 2011 

KATMAI - Contatto EPPoprock in italiano, parsimonia di elettronica e poca originalità. Ma le quattro tracce di “Contatto” dei milanesi Katmai non annoiano e sanno di buono.

 

 

 

 

 

Genere: Poprock

Voto: 6/10

Ascolta anche: -

 

I Katmai sono una band milanese attiva dal 2004: hanno vinto Rock Targato Italia 2010 e hanno aperto il concerto dei Lombroso di Milano.

L’artwork del loro Ep “Contatto” è davvero molto bello. Sia la copertina che il titolo del lavoro mi hanno fatto pensare a qualcosa di elettronico e di pop, tipo Subsonica. Invece inserendo il Cd nel lettore mi sono trovato di fronte ad un lavoro poprock che ha davvero ben poco di elettronico. Anzi.

Nonostante le aspettative deluse, “Contatto” è un godibile lavoro, radiofonico, ben suonato e magistralmente cantato da Stefano Mameli. La domanda però che mi è sorta spontanea è: “quanti altri gruppi così ho ascoltato”? La risposta è stata: “a centinaia”.

L’originalità quindi non è il punto forte dei Katmai, anche se le quattro tracce di “Contatto” sono godibili, si lasciano ascoltare facilmente e non annoiano (cosa che mi capita ogni due Cd ascoltati).

Dimenticare noi” è l’opener, che è la traccia più immediata e radiofonica, con buone soluzioni e spunti interessanti. Si accenna anche al ballabile con “Cambiare il tempo” (“Sento cambiare il tempo e non mi fermerò/ Ho rischiato fino adesso, ancora un altro po’”).

Più audace è “Solo di te”, con innesti elettronici più pesanti.

Chissà perché ci avrei sentito bene una ballata o, all’estremità, qualcosa di audacemente e smaccatamente dance.

In sostanza “Contatto” è un buon inizio per un lavoro più corposo. Intanto l’importante è aver stabilito un primo… contatto.

 

 

 

 

TRACKLIST

1. Dimenticare noi

2. Cambiare il tempo

3. Clima di sospetto

4. Solo di te

 

KATMAI sono:

Stefano Mameli: voce, synth

Luca Giamminonni: chitarra, sequenze

Adriano Galanti: basso, cori, mix

Roberto Alvisi: batteria

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: katmai

Sul web: www.katmai.it

TOP