Rodesia Vichi - Esibizionista a pagamento (Robin Edizioni, 2009)

Scritto da  Lunedì, 22 Febbraio 2010 
esibizionista a pagamento

Il secondo romanzo della emiliana Rodesia Vichi conduce il lettore in un vortice di passione e di erotismo crudo e torbido, una spirale di oscurità in cui la protagonista Aurora sprofonda trascinando con sé il suo appassionato amante ucraino Oleksandr. Vi sarà per loro un barlume di speranza, la possibilità di una redenzione? Una storia estremamente avvincente, da assaporare tutta d’un fiato.

 

 

 

Esibizionista a pagamento

Rodesia Vichi

Pagg. 372 - €15.00

 

La seconda prova letteraria della scrittrice emergente Rodesia Vichi è un romanzo erotico di grande intensità e spessore, la cui preziosità scaturisce dall’incastonare i pur numerosi episodi di infuocata passione e di sesso audace e trasgressivo in una cornice che fotografa perfettamente un preciso contesto storico-sociale. Il percorso iniziatico della protagonista Aurora si svolge interamente a Reggio Emilia, città natale dell’autrice della quale ci vengono descritti, al di là del perbenismo imperante di facciata, le sotterranee perversioni, la ricerca costante e sempre più esigente del soddisfacimento di fantasie inconfessabili, ambigue, talora persino immorali. Sullo sfondo numerose tematiche di scottante attualità, tra le quali spicca il fenomeno di proporzioni sempre più consistenti dell’immigrazione e le sue naturali conseguenze rappresentate da un razzismo sempre più serpeggiante e dalle difficoltà di integrazione vissute da giovani ragazzi costretti ad abbandonare la propria patria per costruirsi un futuro qui da noi, lavorando duramente e tra infinite difficoltà.

Aurora è una donna dalla bellezza conturbante, istintiva, indipendente ed aggressiva. Giunta alla soglia dei quarant’anni e reduce da un matrimonio tanto breve quanto fallimentare, trascina la propria esistenza annoiata e priva di stimoli passando da una fugace relazione all’altra, tramutandosi sempre più in una insensibile mangiatrice di uomini, incapace di provare un vero sentimento e di affezionarsi seriamente a qualcuno. Una notte però, di ritorno da uno dei suoi innumerevoli appuntamenti, si imbatte fortuitamente in un affascinante e misterioso vicino di casa, un volto sconosciuto che cattura immediatamente la sua attenzione e le sue fantasie. Giorno dopo giorno la curiosità cresce sempre maggiormente in lei e, solamente dopo rocamboleschi pedinamenti ed un corteggiamento serrato, scoprirà che si tratta di un giovane immigrato ucraino, Oleksandr, poco più che ventenne, giunto in Italia per costruirsi un futuro migliore, lavorando duramente come muratore e sudandosi ogni singolo euro della propria paga, mattone dopo mattone. Tra l’aitante giovane e la procace e seducente avventuriera scatta immediatamente un’attrazione incontenibile, un magnetismo animale che inizialmente fa esplodere una passione dirompente, consumata con foga e veemenza e che condurrà col passare dei giorni ad un sentimento d’amore reciproco e viscerale. L’idillio durerà però soltanto un battito di ciglia poiché Alex incapperà in qualche piccolo problema con la giustizia, un malinteso che si potrebbe risolvere agevolmente con l’aiuto di un valente avvocato. Peccato però che il giovane ucraino non possa permettersi una difesa adeguata, le circostanze lo vedrebbero costretto ad accontentarsi del distratto ed insoddisfacente sostegno offerto da un avvocato d’ufficio e a rischiare quindi un dolorosissimo decreto di espulsione. Attanagliata dall’angoscia di perderlo, Aurora escogita però un piano ingegnoso: perché non esporre la loro infuocata passione al torbido voyeurismo di innumerevoli facoltosi uomini pronti a pagare cifre esorbitanti pur di spiarli, introdursi furtivamente nel menàge della loro coppia e realizzare così le proprie fantasie più segrete e oscure? Oleksandr, inizialmente riluttante a lanciarsi in questo sentiero pericoloso, alla fine cederà alle pressioni di Aurora e da quel momento si aprirà un gorgo di perversioni e galvanizzante libidine che esalterà sempre più la donna e al contrario renderà sempre più freddo e ripiegato su sé stesso il suo giovane amante. L’epilogo di questo percorso di discesa negli inferi del sesso più perverso sarà inevitabilmente doloroso ma proprio le pagine conclusive concederanno l’apertura ad un futuro migliore, di speranza, libertà, si direbbe quasi di redenzione, lontano anni luce dagli aspetti più squallidi della moderna civiltà occidentale.

Un romanzo sicuramente accattivante, estremamente scorrevole ed avvincente. Da consumarsi tutto d’un fiato così come si consuma e brucia impetuosa la passione tra Aurora ed Oleksandr. Naturalmente le tematiche trattate, la crudezza e la dovizia di particolari con cui vengono dipinte le scene di sesso, specialmente nella seconda parte del romanzo (la prima, focalizzata sulla nascita dell’amore tra i due protagonisti, è sicuramente più romantica e lieve; la seconda invece, incentrata sul loro esibizionistico “commercio”, risulta indiscutibilmente più aspra e violenta, in taluni passaggi un vero e proprio pugno nello stomaco) ne consigliano la lettura ad un pubblico adulto e consapevole. Senza ombra di dubbio gli appassionati della letteratura erotica scoveranno in questo testo spunti interessanti, indiscussa originalità ed una travolgente carica espressiva; attendiamo pertanto con curiosità i prossimi frutti della promettente penna di Rodesia Vichi, ricca di fervida ispirazione, coraggio e personalità.

Per ulteriori informazioni e per leggere l’incipit del romanzo:

http://www.robinedizioni.it/esibizionista-a-pagamento

 

Nella stessa collana anche il primo romanzo di Rodesia Vichi, “Mio re dagli occhi belli”: http://www.robinedizioni.it/mio-re-dagli-occhi-belli

 

Articolo di: Andrea Cova

Grazie a: Rodesia Vichi

Sul web: www.robinedizioni.it

 

TOP