Quando la moglie è in vacanza - Teatro Manzoni (Milano)

Scritto da  Raffaella Roversi Domenica, 02 Febbraio 2014 

Dal 30 gennaio al 16 febbraio. E’ in scena al Teatro Manzoni di Milano, “Quando la moglie è in vacanza”, commedia di George Axelrod, scrittore, produttore e regista americano, classe 1922. Il successo a Broadway nel 1952 fu talmente grande da spingere Hollywood a farne un film, con la regia di Billy Wilder, reso celebre da Marilyn Monroe; la pellicola è stata inserita, nel 2000, dall’American Film Institute, al 51° posto tra le cento migliori commedie americane di tutti i tempi. Alessandro D’Alatri cura la regia di questa divertente commedia, sempre attualissima, vista la permanente natura di maschio in calore dell’uomo medio.

 

Valerio Santoro presenta
una produzione dell’ Associazione Culturale La Pirandelliana
Massimo Ghini ed Elena Santarelli in
QUANDO LA MOGLIE È IN VACANZA
di George Axelrod
traduzione di Edoardo Erba
con Edoardo Sala, Anna Vinci
e con Clara Costanzo, Francesca Pisanello, Chiara Rosignoli, Luca Scapparone, Davide Santoro
musiche originali Renato Zero
scene Aldo Buti
costumi Ornella Campanale
luci Adriano Pisi
musiche arrangiate e realizzate da Danilo Madonia
regia Alessandro D’Alatri

 

La scena, che resterà invariata per tutto lo spettacolo, si apre su un bel salotto borghese romano, tappezzato di libri, con la finestra aperta sul cupolone. Siamo in piena estate, la moglie ed il figlio sono in vacanza ed il marito, annoiato, guarda la partita di calcio. Ma nemmeno quella riesce a fargli dimenticare la solitudine, la noia ed il peso delle promesse fatte alla moglie: durante la sua assenza non fumerà, non berrà alcolici, non mangerà pesante e andrà a dormire presto. Al solo pensarci si innervosisce, accende una sigaretta e beve un po’ di rhum, ammirando dalla finestra il cupolone.


Ritornando alla bottiglia di rhum, sente un gran fracasso e si accorge che dalla terrazza di sopra è caduta, proprio nel suo salotto, una pianta di limoni. È la vicina del piano di sopra che, per errore, l’ha fatta cadere. E che, per scusarsi, va da lui. Se la pianta, cadendo di un piano, ha fatto un rumore infernale, l’arrivo della bella, alta, formosa, bionda ragazza, Elena Santarelli, che cerca di farsi strada utilizzando la sua bellezza come modella, provoca un terremoto fisico-emotivo nel quasi cinquantenne intellettuale, interpretato dal convincente Massimo Ghini.


Le fantasie erotiche lo scuotono nel profondo della sua virilità, mentre a stento riesce a far tacere la sua coscienza, cui D’ Alatri da voce con proiezioni in bianco e nero. Siamo lontani dall’America perbenista e puritana degli anni '50, dove per adattare a film la commedia "The seven year itch" (Il "prurito" del settimo anno, tradotto in italiano “Quando la moglie è in vacanza”), che rappresentava per l’epoca una satira di costume, il regista Billy Wilder e George Axelrod dovettero modificare parecchio il testo. Nel 1955 vigeva, infatti, ancora il severo codice di censura Hays, stabilito dal senatore William Hays, per regolare “moralmente” la produzione dei film. L’adulterio, per esempio, non poteva essere trattato come un’ esperienza piacevole e divertente.


In questa produzione dell’ Associazione Culturale La Pirandelliana, invece, nonostante l’adulterio ed anzi grazie a questo, si ride sempre. La regia ripropone infatti, quasi invariato, il testo divertente, intelligente ed attuale di Axelrod, che strizza l’occhiolino ai sogni erotici dei mariti e all’indulgenza delle mogli. Alcune modifiche si sono rese necessarie per adattare il testo cronologicamente ai nostri giorni, con costumi, ambienti e riferimenti culturali di oggi. I meccanismi relazionali uomo-donna restano però invariati. Le musiche sono di Renato Zero. La parlata romana dei due bravi protagonisti, allarga “er core”, specie se udita in terra lombarda.


Lo spettacolo sperimenta anche un nuovo modo di vivere il teatro aprendosi ai social network. Sono infatti attivi i canali Facebook (https://www.facebook.com/quandolamoglieeinvacanza), Twitter (https://twitter.com/quandolamoglie) e YouTube (http://www.youtube.com/user/quandolamoglie) che consentiranno agli utenti di seguire la compagnia nel corso dell’intera tournée.
Inoltre mercoledi’ 5 Febbraio alle ore 18.00, per il ciclo “Gli incontri di Milano per lo spettacolo”, presso il Mondadori Multicenter Duomo di Piazza Duomo 1, Massimo Ghini ed Elena Santarelli incontrano il pubblico; presenta Antonio Calbi, Direttore del Settore Spettacolo, Moda e Design del Comune di Milano.

 

 


Teatro Manzoni - via Alessandro Manzoni 42, 20121 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 800914350, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 20.45, domenica ore 15.30, lunedì riposo
Biglietti: feriali poltronissima € 34, poltrona € 22; sabato e domenica poltronissima € 37, poltrona € 27

 

Articolo di: Raffaella Roversi
Grazie a: Rita Cicero Santalena, Ufficio stampa Teatro Manzoni
Sul web: www.teatromanzoni.it

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP