E’ morta zia Agata!?! - Teatro Millelire (Roma)

Scritto da  Oriana Russo Sabato, 01 Febbraio 2014 

Dal 29 gennaio al 16 febbraio. E’ possibile che eventi come la dipartita di un familiare riescano a divenire il centro di un lavoro umoristico strutturato su schemi e regole di un cinismo non scritto? Questa è la sintesi di quanto viene racchiuso in questo lavoro, nuovamente in scena al Teatro Millelire, scritto e diretto dal regista Lorenzo De Feo, recentemente scomparso.

 

 

 

 

 

 

 

Millelire presenta
È MORTA ZIA AGATA!?!
scritto e diretto da Lorenzo de Feo
con (in ordine di apparizione) Gabriele Mangion, Mario Piana, Mariano Riccio, Antonio Lupi e Jessica Zanella
musiche di Francesco Crispo

 

 

La rappresentazione mette in luce il vissuto di questa improbabile famiglia, ben rimarcando l’immagine dei parenti - i tre nipoti - uniti solo ed esclusivamente da un insopprimibile interesse ad aggredire il patrimonio di una indifesa e malandata vecchietta: la loro zia Agata.


Tra i tre è la nipote Cuneconda, impersonata dalla brillante Jessica Zanella, ad apparire più crudele e terrificante nel tessere la regia di ogni stratagemma escogitato per eliminare la zia. Nel frattempo dall’altra parte il nipote Teodoro, nel ruolo del malato mentale, interpretato con costante impassibilità da Mariano Riccio, opera ulteriori tentativi che si rivelano fallaci e controproducenti, con la contraddittoria complicità dell’altro nipote Dazio, personaggio un po' frustrato e nevrotico impersonato da Antonio Lupi.


Si innesca, sulla scena del piccolo Teatro Millelire, una alternanza di sequenze incrociate e ad incastro dove i protagonisti riescono a enfatizzare, con la loro diretta comicità e la loro presenza a tratti visionaria, il disegno tragico perseguito. Zia Agata non sembra però volerne sapere di passare a miglior vita, anzi, ciò che l’autore è riuscito a rappresentare in modo anche paradossale e surreale, è la straordinaria capacità della vecchietta di sfuggire alle macchinazioni ingannevoli e subdole dei suoi tre nipoti e dello strano dottore.


Particolarmente gradevole e simpatica è apparsa l’idea di creare due personaggi contro-scenici, incarnati dal duo "men in black" formato da Gabriele Mangion e Mario Piana, che contrappuntano la narrazione ed irrompono sulla scena mimando, ballando e cantando.


Non si crea mai una sovrapposizione tra le voci degli attori ma vi è una globale e fluida armonia nello scorrere della trama e nel finale inaspettato, il tutto incastonato tra scenografie semplicemente disegnate.


Assistendo a questo lavoro si avverte, grazie anche allo spazio accogliente in cui è stato ospitato, la genuinità e artigianalità di un prodotto comunque ben studiato per far sorridere e anche far riflettere sulla crudeltà e avidità dell’uomo.

 

 


Teatro Millelire - Via Ruggero di Lauria 22, 00192 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/39751063 – 333/2911132, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: intero € 12, ridotto € 10 (tessera associativa € 2)



Articolo di: Oriana Russo
Grazie a: Rocchina Ceglia, Ufficio stampa Teatro Millelire
Sul web: www.millelire.org

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP