L' Italia s'è desta

Dall’11 al 21 novembre. In scena al Teatro Litta di Milano “L’Italia s’è desta – Catalogo No- strano”, di Stefano Massini. Attenzione: i fatti raccontati in questo spettacolo sono tutti reali e tratti dalla cronaca. Ogni riferimento a fatti e persone è puramente voluto. Vietato ai minori di spirito critico.

Ale&Franz

Alessandro Besentini e Francesco Villa, in arte Ale e Franz, riportano in tour il loro spettacolo “Aria precaria” già visto l’anno scorso: una collezione di dieci sketch, giocati sugli incontri di personaggi talvolta inediti, talvolta ormai classici per i loro fan televisivi, in un trionfo di nonsense e spassosi equivoci.

Giallo Sexy - Teatro Agorà (Roma)

Scritto da Lunedì, 15 Novembre 2010
Giallo sexy

Dal 2 al 28 novembre. Il piccolo ed accogliente Teatro Agorà ci propone un nuovo capitolo di un filone che appare sempre più apprezzato dal pubblico: il giallo interattivo. Murderparty ci porta sulla scena di un delitto e permette agli spettatori di vestire i panni di implacabili detective. Chi sarà il più bravo a smascherare l’omicida?

Troglostory - Teatro Greco (Roma)

Scritto da Domenica, 14 Novembre 2010
Troglostory

Dal 4 al 21 novembre. Come due antesignani di Romeo e Giulietta, i giovani Tano e Sarina si innamorano, incuranti dell'odio che separa le due tribù d'appartenenza. E come tutte le storie d'amore impossibili, la loro tormentata relazione sarà motore di una serie di eventi drammatici e distruttivi che culmineranno in un tragico epilogo.

Il giardino dei ciliegi

Dal 9 novembre al 5 dicembre. Ultima opera teatrale di Anton Čechov, nonché una delle vette indiscutibilmente più alte della drammaturgia europea del Novecento, “Il giardino dei ciliegi” rivive sul palcoscenico del Teatro Sala Uno nella sua armonica contrapposizione tra la tragica ineluttabilità del destino di decadenza a cui si avviava l’aristocrazia russa e la spensierata leggerezza, stilisticamente vicina al vaudeville francese ottocentesco, con cui Čechov dipinge gli ultimi giorni trascorsi dalla raffinata e seducente contessa Ljubòv Andreevna Ranevskaja nella sua residenza di campagna, circondata da una natura che si erge a simbolo dell’incontaminata purezza dell’infanzia e a inprofanabile tempio dei ricordi più preziosi di un’intera esistenza.

Grisù, Giuseppe e Maria

Dall’11 afl 21 novembre. 1956: nella sagrestia di una chiesa di Pozzuoli, davanti agli occhi del prete scorrono le sgangherate vite della gente di provincia, fatte di sogni mancati, di piccole trasgressioni e di cucina tradizionale. Cercando di non perdere le staffe con il suo folle sacrestano un po' sordo e senza una mano, il prete dovrà risolvere un problema di infedeltà tra un emigrante e due sorelle, entrambe incinte, con sullo sfondo il dramma del crollo di Marcinelle.

TOP