Vetri rotti - Teatro Eliseo (Roma)

Scritto da Sabato, 15 Febbraio 2020

Dal 4 al 16 febbraio. Elena Sofia Ricci, Maurizio Donadoni e David Coco interpretano, con la regia di Armando Pugliese, “Vetri rotti” di Arthur Miller, una rilettura in chiave psicosomatica dell’avvento sterminatore dei nazisti e dell’orrore della barbarie sugli ebrei.

È andato in scena al Teatro Vittoria di Roma "Le Notti Bianche", capolavoro di Fedor Dostoevskij e classico fuori dal tempo: una delicata e impossibile storia d’amore in cui l’indistinto confine tra sogno e realtà nutre e pesa sui due giovani amanti. Per raccontare la solitudine del sognatore nella società, ieri come ora, l'adattamento di Giulio Casale con la regia di Marta Dalla Via utilizza tocchi contemporanei, canzoni e inserti musicali, cogliendo la forza del testo ma smarrendosi in altri dettagli.

La sera di un venerdì prima di Pasqua, nel duomo di una grande città europea, un sacerdote cattolico riceve la visita di una giovane donna. I due si conoscono bene: la ragazza ha frequentato da bambina la sua parrocchia. Sette anni prima è scappata insieme al suo migliore amico per arruolarsi in una formazione terroristica. In una successione di sei monologhi incrociati emerge anche la ragione ultima di questa visita: organizzare il più clamoroso e simbolico attentato terroristico della storia europea. “Guerra Santa” di Fabrizio Sinisi, con la regia di Gabriele Russo, è in scena al Teatro Elfo Puccini di Milano dal 4 al 9 febbraio.

La storia di un uomo. Di una famiglia. Di una nazione. Tra vissuto quotidiano e cronaca storica, Enrico Vulpiani scrive, dirige ed interpreta "Mi chiamo Giuseppe", un monologo sentito e delicato in cui la vita di suo nonno si dipana nell'arco di quasi un secolo.

Killer per casa - Teatro Golden (Roma)

Scritto da Giovedì, 06 Febbraio 2020

"Killer per casa" è la commedia diretta da Massimo Natale (che l'ha scritta con Ennio Speranza e Andrea Tagliacozzo) e interpretata in questi giorni da Stefano Pesce, Giorgia Wurth e Paolo Gasparini sul palco del Teatro Golden.

Filippo Timi riporta al Franco Parenti “Skianto: un monologo intenso che tra dissacrazione, poesia, comicità e amarezza, fa vivere allo spettatore una montagna russa di emozioni e riflessioni contrastanti.

Pagina 2 di 292
TOP