“Grasse risate, lacrime magre”: uno spettacolo che mantiene le promesse fin dal titolo grazie al formidabile duo composto da Paolo Faroni e Fabio Paroni, che ci fa ridere tanto da lacrimare, sempre con grazia e intelligenza.

Da lunedì 10 aprile a giovedì 4 maggio, il Piccolo Teatro di Milano ospita nelle proprie sedi i cinque appuntamenti della tradizionale Rassegna Milano per Gaber, promossa dalla stessa Fondazione, con il sostegno del Comune di Milano, della Regione Lombardia e della Fondazione Cariplo. Il debutto è con Maria Laura Baccarini, brava, potente, versatile, ironica, a tratti dura ma anche lirica - una voce di grande armonia e possibilità - che assimila la lezione del cabaret, rendendolo quasi impercettibile. Non è una mattatrice ma una protagonista della scena, che non imita Gaber, non lo rievoca neppure, ma ne restituisce l’anima…a modo suo.

Dal 4 al 30 aprile. In mezzo a un turbine di affermazioni filosofiche e di teorie, ciò che caratterizza la persona Nietzsche è il forte impulso alla vita e talvolta il prevalere dei sentimenti rispetto alla ragione quando si tratta della propria esistenza e non della filosofia. E’ da questa dimensione del personaggio che si sviluppa il testo teatrale, attraverso le vicende che lo vedono agire, amare, soffrire e reagire alla sofferenza, fisica e sentimentale mediante lo sforzo smisurato e vincente della sua genialità intellettuale. Maricla Boggio lo porta in scena al Teatro Stanze Segrete con protagonisti Ennio Coltorti, Jesus Emiliano Coltorti e Adriana Ortolani.

La compagnia lacasadargilla porta in scena, al Teatro India, una mise en space dedicata al testo di Douglas Adams “Guida galattica per gli autostoppisti”, cult per un’intera generazione, esilarante, linguisticamente esplosivo e politicamente scorretto, ovvero l’odissea spaziale di un gruppo di irriverenti viaggiatori alle prese con le meraviglie dell’universo.

Claudio Boccaccini porta al Teatro Nino Manfredi di Ostia lo spettacolo da lui scritto, diretto e interpretato che gli è valso, lo scorso settembre, il Premio Speciale Salvo D’Acquisto “per aver onorato la figura del Vice Brigadiere in Teatro”: il monologo è la diretta testimonianza del sacrificio del giovane carabiniere che il 23 settembre 1943 salvò ventidue innocenti, tra cui il padre dell’attore romano. In scena fino al 23 aprile.

Imprevedibile, graffiante, dissacrante, il grande Greg ritorna sul palco del Teatro 7 con un nuovo, divertentissimo e folle spettacolo, nel quale poter ancora esprimere tutta la geniale creatività che da sempre lo contraddistingue.

Pagina 10 di 256
TOP