Francesco Piccolo e i suoi momenti di trascurabile (in)felicità: in una piacevolissima serata al Teatro Sala Umberto di Roma, lo scrittore e sceneggiatore ha proposto il proprio catalogo di nevrosi, vezzi, consuetudini, manie e segreti tratto dai suoi due libri di successo. Ironici pensieri in libertà, cinici e reali, di quei brevi attimi in cui assapori il (dis)piacere della vita.

Come Cristo comanda - Teatro Sette (Roma)

Scritto da Giovedì, 22 Febbraio 2018

Dal 13 febbraio al 4 marzo. Sul palco del Teatro Sette ha debuttato un testo dal forte impatto emotivo, «Come Cristo comanda», scritto da Michele La Ginestra, con la regia di Roberto Marafante. Il direttore artistico dello spazio romano è in scena nel ruolo del legionario Stefano, affiancato da un eccellente Massimo Wertmuller, che veste i panni del centurione Cassio.

Sabato 3 e domenica 4 febbraio a Firenze al Teatro di Cestello è andato in scena “Processo a Pinocchio”, psico-commedia musicale, scritta e diretta da Andrea Palotto, con musiche originali dal vivo e protagonisti Cristian Ruiz e Luca Giacomelli Ferrarini. Testo surreale e noir con storie che si intrecciano, tra realtà e fiaba passando per la psicoanalisi, timbro che sta caratterizzando questa stagione teatrale di drammaturgia contemporanea. La scrittura offre spunti di riflessione interessanti, anche se a volte è faticoso il passaggio dal sogno alla realtà.

Lunedì 12 febbraio il Teatro Carcano ha ospitato il secondo appuntamento di “ODISSEA Un racconto mediterraneo”, progetto ideato e diretto da Sergio Maifredi e prodotto dal Teatro Pubblico Ligure.

Luca De Fusco, dopo i successi teatrali delle ultime stagioni, conseguiti con l’ “Orestea” ed il “Macbeth”, torna in scena al Teatro Argentina con la regia dei pirandelliani “Sei personaggi in cerca di autore”, un lavoro accurato e d’impatto, sostenuto da ottimi attori e creative intuizioni.

Dal 13 al 18 febbraio. Tra i più apprezzati autori sulla scena contemporanea della danza italiana e reduce dal successo del riallestimento di “Giulietta e Romeo”, Fabrizio Monteverde firma per la storica compagnia del Balletto di Roma la nuova versione di un classico d’eccezione: “Il Lago dei Cigni…ovvero il Canto”. Tra le suggestioni di una favola d’amore crudele e i simboli di un’arte che sovrasta la vita, il coreografo reinventa il più famoso dei balletti di repertorio classico su musica di Čajkovskij, garantendo quell’originalità coreografica e registica unica che da sempre ne caratterizza le creazioni e il successo.

TOP