i ponti di madison county

Dal 16 aprile al 3 maggio. "In quattro giorni mi regalò una vita intera, un universo, ricompose i frammenti del mio essere in un tutto...Non ho mai smesso di pensare a lui... anche se non lo ricordavo consciamente, lo sentivo vicino a me, c'era sempre".

il popolo non ha il pane

Dal 15 al 25 aprile. Lo spettacolo si apre con la voce di Filippo Timi, capace di colpire dei punti carnali di umana emozione. Dopo pochi secondi siamo arresi a lui, al suo genio e al viaggio di coscienza che ci propone, da ridere. Ridere il pianto, ridere la morte, ridere il tradimento, ridere la follia, ridere l’abbandono.

scusa sono in riunione ti posso richiamare?

Dal 14 aprile al 10 maggio. “Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?” è la commedia di Gabriele Pignotta più celebre ed amata dal pubblico e ci racconta la storia di cinque trentacinquenni, ex compagni di università, che si ritrovano dopo dieci anni per una singolare circostanza. Sono diversi, più complicati e soprattutto stressati! Uno spettacolo pieno di divertimento e colpi di scena.

paese degli idioti

Dal 14 al 26 aprile 2009, al Teatro Nuovo di Milano, è in scena “Il paese degli idioti”, una commedia in tre atti  tratta da Tato Russo da “Il villaggio Stepancikovo e i suoi abitanti”, opera minore scritta da Fedor Dostoevskji nel 1859.

la marionetta bianca

Dal 7 al 10 aprile. Quarantacinque minuti intensissimi carichi quasi di tutto ciò che una vita umana può contenere. L’infanzia, l’amore, la poesia, il dolore, la gioia, la passione, il sesso, l’abbandono, la ricerca, la morte, Dio, la speranza del futuro… e una dirompente, esplosiva voglia di esistere, potente come un grido disperato, come un vetro infranto, come getti di vernice colorata su muri bianchi, come pareti di Chiesa accostate a scritte pop.

marlene the legendDal 14 al 26 aprile 2009. L’unico attore sul palco nonché l’ideatore dell’opera biografica “Marlene Dietrich the Legend - il grande omaggio di Quince” è Riccardo Castagnari, sapiente trasformista, interpreta l’icona del cinema Tedesco anni Trenta sotto una luce magica, misteriosa, ironica.

TOP