Pane e befane - Teatro de’ Servi (Roma)

Scritto da Sabato, 08 Gennaio 2011
Pane e befane

Dal 4 al 23 gennaio. In una notte dell’Epifania avvolta da una copiosa nevicata, nella fatiscente camerata di un corso di sopravvivenza si incontrano le intricate e nevrotiche esistenze di un medico, un maresciallo dei carabinieri, un impiegato ed un fotografo alle prese con tormentate delusioni sentimentali ed implacabili mogli isteriche. Quattro uomini che sembrano irrimediabilmente sull’orlo di una crisi di nervi, fintanto che una Befana dalla sensualità prorompente non irromperà a sconvolgere i loro sensi e a realizzare tutti i loro desideri. La Compagnia Bonalaprima di Marco Falaguasta colpisce nuovamente nel segno con una commedia frizzante e spensierata per iniziare l’anno nuovo in modo esilarante e travolgente.

Due fratelli

Dal 28 Dicembre al 2 Gennaio. Due fratelli, il testo con il quale l’allora ventitreenne Fausto Paravidino vinse il premio Ubu nel 2001, viene rimesso in scena dai due giovani registi napoletani Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo al teatro Elicantropo, facendoci rivivere la storia di Boris, Lev ed Erica ovvero della tragica quotidianità. Sul palco ritroviamo i mali della società rinchiusi in una stanza, in una casa, in tre personaggi, nel loro io interiore, nelle insicurezze, negli affetti che fanno uscire da ogni individuo istinti primordiali, quali la violenza, l’amore, il rancore. L’istinto di sopravvivenza fisica si trasforma in battaglia e in sopruso fisico e la vittoria reale non può essere solo morale, ma si concretizza con l’eliminazione fisica dell’avversario.

Ladro di razza

Dal 29 dicembre al 23 gennaio. Autunno 1943, in una Roma funestata dalla tragedia del rastrellamento nazista nel ghetto ebraico le vicende esistenziali di Tiberio, un truffatore impenitente appena uscito dal carcere di Regina Coeli e in costante ricerca di espedienti per sbarcare il lunario, Oreste, un onesto e combattivo operaio delle fornaci di Valle Aurelia, e Rachele, una ricca ed austera zitella ebrea, si intrecciano in un’appassionante tragicommedia che alterna spassoso divertimento a istanti di sincera commozione. Con tre protagonisti d’eccezione: Rodolfo Laganà, Francesco Pannofino e Francesca Reggiani.

WePorn - Teatro Filodrammatici (Milano)

Scritto da Venerdì, 31 Dicembre 2010
Weporn

Fino al 31 dicembre. “WEPORN è il mondo visto con un po’ di sconforto e un bel po’ di ridicolo, il mondo che si vedrebbe facendo zapping in un Hotel di lusso con pay per view in offerta speciale e la speranza che qualcun altro paghi il conto”. Così si presenta uno spettacolo andato in scena al Filodrammatici di Milano, successo di pubblico e critica, dal testo originario inizialmente vietato perché ritenuto troppo pornografico.

Il circo rosso

A venticinque anni dalla scomparsa del pittore ebreo di origine russa naturalizzato francese arriva dal Musée National Marc Chagall di Nizza una mostra-tributo monografica che analizza in maniera completa ed affascinante le diverse sfaccettature del suo universo pittorico: tra la testimonianza storica di un vissuto che ha attraversato diametralmente i principali drammi e rivoluzioni di un intero secolo ed il capovolgimento della realtà e l’avvolgente dimensione onirica che rappresentano la sua cifra stilistica, Marc Chagall costituisce una delle personalità artistiche più coraggiose, indipendenti e ricche del Novecento europeo. Al Museo dell’Ara Pacis di Roma fino al 27 marzo 2011.

Anastasia Genoveffa e Cenerentola

Dal 21 dicembre al 6 gennaio. A quasi un anno di distanza dal clamoroso successo riscosso dall’operetta amorale “Le Pulle” nel corso della prima stagione monografica del Teatro Valle, la regista palermitana Emma Dante affronta l’impegnativa sfida del teatro per ragazzi proponendo al pubblico romano una sua personalissima rilettura della storia di Cenerentola, capace di fondere l’atmosfera della celeberrima fiaba secentesca di Perrault con il suo estro visionario e magmatico in un atto unico che è pura gioia per gli occhi e lo spirito.

TOP