Copenaghen - Teatro Argentina (Roma)

Scritto da Sabato, 28 Ottobre 2017

Dal 24 ottobre al 12 novembre. Al Teatro Argentina di Roma torna “Copenaghen”, portato in scena da un tris di grandi interpreti: Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice. Un thriller scientifico-politico a tre voci dell’inglese Michael Frayn, che da più di 18 anni rapisce gli spettatori: un vero tuffo nel passato per chiarire cosa avvenne nel lontano 1941, quando il fisico Heisenberg fece visita al suo maestro Bohr, alla vigilia del primo devastante uso della bomba atomica.

“L’inquilino” è in scena sino al 29 ottobre al Teatro Litta di Milano. Lo spettacolo è tratto dal romanzo "L'inquilino del terzo piano" di Roland Topor, scrittore, illustratore, drammaturgo e attore francese di origine ebraico-polacca, classe 1938. Poco dopo la nascita, per scappare alla persecuzione nazista, si è trasferito con la famiglia in Savoia. Il romanzo sembra avere talvolta un'architettura kafkiana, all'interno della quale la più grande colpa è quella di esistere. Roman Polanski ne ha tratto ispirazione per il film omonimo.

Dal 24 al 29 ottobre. Nella cornice della Napoli in guerra si dipana l’emozionante racconto di un amore impossibile, quello tra Eugenio e Lilandt, che sfidano le proprie paure decidendo di vivere nella libertà di amare, con la consapevolezza di riscoprire e conoscere per la prima volta se stessi.

Uno sbagliato - Teatro Golden (Roma)

Scritto da Venerdì, 27 Ottobre 2017

La fragilità dell’animo umano è il nucleo della stand-up comedy che ha debuttato il 24 ottobre al Teatro Golden, con repliche fino al 19 novembre. «Uno sbagliato» è il titolo del testo scritto, diretto ed interpretato da Edoardo Sylos Labini. Al fianco dell’artista, due bravissime performer che cantano dal vivo brani di genere diverso.

In un Teatro degli Audaci ingiustamente semivuoto (forse perché abituato a commedie di tenore più leggero) ha debuttato la versione di "Aspettando Godot" firmata dal padrone di casa Flavio De Paola.

Al Teatro Delfino di Milano e solo per pochi giorni, da mercoledì 18 a domenica 22 ottobre, si è presentata una grandissima artista: Eka, giovane e bella ragazza snella ed elegante, capace di creare arte non con pennello, matite o carboncino bensì con la sabbia, che getta su una lastra di vetro illuminata da un faro, con tanto di proiettore che rimanda le immagini che vi appaiono su un grande schermo posto al centro del palcoscenico. Eka e il suo tavolo magico stanno sulla sinistra, perfettamente visibili, ma sarà lo schermo a catturare l’ attenzione e le emozioni degli spettatori.

Pagina 3 di 257
TOP