Fino a domenica 22 aprile, in prima nazionale al Teatro Era di Pontedera, va in scena “Quasi una vita. Scene dal Chissàdove”, ultimo lavoro del regista Roberto Bacci, che ne cura anche la drammaturgia insieme a Stefano Geraci, rinnovando la collaborazione con Giovanna Daddi e Dario Marconcini (visti di recente assieme in “L’uomo dal fiore in bocca”, senza citare il decennale sodalizio dei tre), con le interpretazioni di Elisa Cuppini, Silvia Pasello, Francesco Puleo e Tazio Torrini (tutti, eccetto la Cuppini, hanno lavorato insieme ad una regia firmata da Bacci nel “Lear”).

È andato in scena al Teatro dell'Elfo di Milano “Coma quando fiori piove”, lo spettacolo di e con Walter Leonardi che rappresenta un divertito, ironico e poetico redde rationem al giro di boa dei 50 anni: durante il suo cinquantesimo compleanno, il protagonista cade in coma profondo e viaggia tra ricordi, possibilità mancate e ipotesi di felicità schivate.

Dall’11 al 22 aprile Fondazione Teatro della Toscana presenta, nell'ambito del progetto i Nuovi, la “Mandragola” di Niccolò Machiavelli, con la compagnia dei neodiplomati della scuola per attori “Orazio Costa” e la regia di Marco Baliani che conferma il suo stile asciutto, di lavoro a 360 gradi sull’artista e soprattutto sul neo-attore, lasciando un grande spazio alla corporeità. Colpiscono in questo spettacolo la raffinatezza e l’armonia tra gli elementi tradizionali della partitura del discorso, rispettosa del testo originario, il fondale della scenografia, l’uso del canto e l’attualizzazione in senso classico: i costumi che sembrano quasi simboli, la reinvenzione del coro che si fa ora voce narrante, ora canto, ora gesto, in una forma di teatro danza. Convincente la prova attoriale.

L’opera dell’iraniano Nassim Soleimanpour, tradotta in 25 lingue e con un bagaglio di oltre mille repliche andate in scena in tutto il mondo, è stata ospitata lunedì 16 aprile dall’Angelo Mai di Roma e interpretata da Vinicio Marchioni. “White Rabbit Red Rabbit” è un vero esperimento sociale in forma di spettacolo, in cui l’attore sale sul palco con la stessa inconsapevolezza dello spettatore: entrambi, da parti opposte della scena, scopriranno gradualmente il testo ed il suo significato metaforico, dando vita, insieme, a un’opera di grande intensità emotiva.

Dall’11 al 29 aprile. Frutto dell’immaginazione di Giuseppe Patroni Griffi, che nel 1975 la rese protagonista del romanzo “Scende giù per Toledo”, Rosalinda Sprint arriva a teatro nello spettacolo omonimo portato in scena da Arturo Cirillo - uno degli artisti partenopei più acclamati, vincitore di diversi premi Ubu sia in qualità di regista che di attore -, che ne cura anche la regia.

Mumble Mumble - Teatro Tordinona (Roma)

Scritto da Mercoledì, 18 Aprile 2018

È una prova d'attore per niente banale, quella che realizza Emanuele Salce, insieme allo spettatore-regista Paolo Giommarelli, sul palco del suo "Mumble mumble", lo spettacolo che porta in giro tra applausi e consensi di pubblico e critica ormai da otto anni.

Pagina 3 di 270
TOP