Toilet - Teatro Sette (Roma)

Scritto da Lunedì, 22 Aprile 2019

E’ andata in scena al Teatro Sette di Roma una claustrofobica "tragicommedia", “Toilet”, che conferma la geniale vena comica di Gabriele Pignotta, in questa occasione intrisa di risvolti inquietanti e ricchi di suspence.

Benedetto Sicca porta in scena al Teatro Sannazaro di Napoli un interessante studio intitolato “Pochos”, prendendo spunto dal nomignolo del calciatore Lavezzi per parlare di un tema scottante e spesso oggetto di oscurantismo: il binomio tra calcio e omosessualità. Una riflessione attuale e dissacrante su un tabù che dovrebbe finalmente essere svelato, anziché divenire oggetto di discriminazione sportiva e sociale.

Ironica e partecipe rivisitazione dell’immortale “Romeo e Giulietta”, il testo “Romeo and Juliet (are dead)”, nella versione portata in scena da Charioteer Theatre e Piccolo Teatro di Milano, scritta e diretta da Laura Pasetti, riesce nella non semplice impresa di rivisitare il capolavoro di Shakespeare in modo tanto divertito e divertente quanto profondo.

“Il ragazzo dell’ultimo banco”, andato in scena al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano, è la prima rappresentazione italiana del testo firmato dallo spagnolo Juan Mayorga nel 2006, dal quale nel 2012 è stato anche tratto il film “Nella casa (Dans la maison)”, diretto da François Ozon. La regia dinamica di Jacopo Gassmann amplifica la lettura a più livelli dello spettacolo che ha ad oggetto il rapporto tra professore e allievo, in una sorta di capovolgimento dell’archetipo del “romanzo di formazione”. Si tratta di una produzione del Piccolo Teatro.

Risate e pensieri, tanti personaggi e un solo attore: Massimiliano Bruno riporta in scena il suo “Zero”, una storia sull'amicizia, la rabbia mai sopita, le vite distrutte e ricostruite, i ricordi. Un racconto drammatico, reso estremamente divertente dall'ironia e dall'eclettico talento del protagonista.

Novecento - Teatro Eliseo (Roma)

Scritto da Sabato, 20 Aprile 2019

Il monologo di Alessandro Baricco, interpretato da Eugenio Allegri, che incanta tutta Italia da quel lontano debutto al Festival di Asti del 27 giugno 1994, ritorna sul palcoscenico del Teatro Eliseo. 25 anni, 500 repliche, 200 mila spettatori: questi i numeri di “Novecento” che prosegue la sua rotta, proprio come il transatlantico Virginian, attraccando nei teatri di piccole e grandi città.

TOP