"Szymborska – Un alfabeto del mondo" di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini

Scritto da  Giovedì, 07 Luglio 2016 

Di recentissima uscita (stampati rispettivamente a Marzo, Aprile, Maggio di quest’anno) i tre volumi della romana Donzelli L’Arena del Duce – Storia del Partito Nazionale Fascista a Verona, di Federico Melotto, Szymborska – Un alfabeto del mondo, di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini e Scritti sul cinema, di Yasujiro Ozu (curato, quest’ultimo, da Franco Picollo e Hiromi Yagi). Si tratta, come nella tradizione della casa editrice capitolina, di saggi storico politici (L’Arena del Duce) e artistico letterari (i restanti due, si leggano le relative recensioni su queste stesse pagine) di notevole spessore scientifico e documentaristico che potranno arricchire la biblioteca dello storico o quella dell’appassionato e/o studioso di poesia o di cinema. Gli autori e i curatori, tutti docenti di prestigiosi atenei, scrivono nell’ambito delle rispettive tematiche di ricerca, mentre Yasujiro Ozu, probabilmente la più eminente figura del cinema giapponese classico e del realismo cinematografico del paese del sol levante, è uno dei più significativi registi di tutti i tempi e uno dei maestri assoluti della settima arte in tutto il mondo.

 

Premio Nobel per la letteratura assegnatole nel 1996, di lei Pietro Marchesani ha scritto: “La poesia della Szymborska non dà risposte, perché ogni domanda può solo generare altre domande. Essa parla in un modo aperto, dubbioso, non definitivo né definitorio, che non chiude ma apre ulteriori spazi alla riflessione, e di ogni singolo lettore sembra condividere intuizioni, sensazioni e paure”. A Wislawa Szymborska il premio Nobel venne assegnato “per una poesia che, con ironica precisione, permette al contesto storico e biologico di venire alla luce in frammenti d’umana realtà”. Ci sembrano, queste, le coordinate entro le quali va orientata l’interpretazione dell’opera in versi di una poetessa straordinaria, una autrice la cui poesia “esistenziale” in tutti i sensi possibili è attentissima innanzitutto ai vari aspetti del vivere quotidiano. Il libro di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini va oltre la semplice trattazione critica di materiale letterario amatissimo in tutto il mondo. I tre autori individuano infatti un alfabeto essenziale dell’arte poetica szymborskiana: sono ventuno (tante quanti sono i saggi critici contenuti in questo interessantissimo volume) le parole o espressioni cui vanno ricondotte alcune delle chiavi tematiche presenti nell’opera dell’autrice polacca. Amore, Biologia, Caso, Donna, Ecfrasi, Fugacità, Gioco, Humour, Incanto, Lingua, Morte, Nulla, Orrore, Poesia, Qui e ora, Realismo socialista, Sogno, Tradizione, Utopia, Vita, Z come Zen? sono le parole o espressioni individuate dagli autori di un volume di grande valore che per la prima volta nel nostro paese cerca di tracciare, pur senza avere la pretesa dell’esaustività, il profilo della intellettuale polacca “dialogando con essa, individuandone alcuni fili conduttori, provando a riconoscere e vagliare i molteplici sensi e <strati di senso> spesso nascosti dietro o sotto l’apparente semplicità e leggerezza dei suoi versi – cosi come dietro il timido sorriso che ritroviamo nelle foto che la ritraggono si nascondeva un carattere complesso, difficile, malinconico e scherzoso, al tempo stesso misantropico e profondamente innamorato della vita e del mondo”.

Prendendo le mosse dalla notissima poesia La cipolla:

[La cipolla è un’altra cosa./Interiora non ne ha./Completamente cipolla/fino alla cipollità./Cipolluta di fuori,/cipollosa fino al cuore,/potrebbe guardarsi dentro/senza provare timore.//In noi ignoto e selve/di pelle appena coperti,/interni d’inferno,/violenta anatomia,/ma nella cipolla – cipolla,/non visceri ritorti./Lei più e più volte nuda,/fin nel fondo e così via.//[…]//La cipolla, d’accordo:/il più bel ventre del mondo./A propria lode di aureole/da sé si avvolge in tondo./In noi grasso, nervi, vene,/muchi e secrezioni./E a noi resta negata/l’idiozia della perfezione.]

I tre autori approfondiscono il tema della poesia giocosa e umoristica nelle opere della poetessa polacca; parimenti, il componimento Il gatto in un appartamento vuoto offre lo spunto per iniziare la trattazione del tema della morte in Szymborska. Similmente, gli autori del libro (un libro che immaginiamo, tra coloro che in Italia amano la poesia szymborskiana sarà molto apprezzato) procedono in relazione alle restanti parole che rappresentano gli ulteriori aspetti pregnanti della poesia di Wislawa Szymborska.

Szymborska – Un alfabeto del mondo
di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini
Donzelli Editore

Grazie a Francesca Pieri, Donzelli Editore

Articolo di Giovanni Graiano Manca

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP