Nicolas Bendini - Solo per una notte (Playground, 2009)

Scritto da  Mercoledì, 01 Luglio 2009 

Nicolas Bendini - Solo per una notte (Playground, 2009)Esistono calciatori gay? Attorno a questa domanda incalzante e stuzzicante, Nicolas Bendini costruisce la storia narrata in “Solo per una notte”: storia d’amore tra un ragazzo liceale di Parigi e un campione di calcio croato.

 

 

 

 

Solo per una notte

Nicolas Bendini

Pagine 136 - € 11.00

 

L’omosessualità è un tabù nel mondo del calcio? C’è ancora omertà negli spogliatoi oppure al giorno d’oggi non è più un problema?

Attorno a questa domanda incalzante e stuzzicante, Nicolas Bendini (classe 1979) costruisce la storia narrata in “Solo per una notte”, spaccato di vita (post)adolescenziale di un ragazzo liceale di Parigi, Mathieu.

La vita di Mathieu si divide tra scuola, lezioni di violino, Coldplay (la famosa “puzza sotto al naso” dei parigini si evince anche da questo. I Coldplay sono il gruppo più sopravvalutato del momento) e partite a Subbuteo. Ed una spasmodica mania per la squadra di calcio Paris Saint-Germain.

Mathieu è gay. Non dichiarato. Vergine.

Questi tre elementi sono sufficienti a descrivere il quadro psicologico/ormonale del ragazzetto in questione, che sente il peso di questi macigni, che è dentro il mondo ma contemporaneamente ne è escluso. Una sorta di limbo oro-genitale.

Un giorno di pioggia Mathieu incontra Goran Klasic per caso. Cristina D’Avena docet.

Chi è Goran Klasic? E’ il centravanti del Paris Saint-Germain. Croato e sregolato. Bello e impossibile.

Fatto sta che da quel giorno nasce una complicità tra il calciatore e lo studente, che seguirà la linea immaginaria che collega Parigi a Zagabria. La linea immaginaria che sta tra il “detto” e il “non detto”. La sottile linea che separa lo stato di euforia dallo sgomento, la felicità dal panico.

Solo per una notte” prende il titolo dal brano “Juste pour une nuit” di L&E, che ben presto diventa la colonna sonora dei pensieri erotici di Mathieu nei confronti di Goran.

“Solo per una notte” racconta una fantasia erotica incisa nel DNA di ogni buon gay che si rispetti. Parigino o no che sia: fare sesso con un calciatore. “Solo per una notte” è il trionfo della tempesta ormonale adolescenziale, è intriso di dinamiche al limite del patologico, è un calderone ribollente di passioni incontrollate.

Una storia che si legge tutta d’un fiato, che fa rivivere i batticuori e le paure degli adolescenti in maniera chiara ed empatica.

Da moviola.

 

 

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: Ufficio Stampa Playground

Sul web: www.playgroundlibri.it - www.highschool.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP