Massimo Recalcati - Elogio del fallimento (Erickson, 2011)

Scritto da  Giovedì, 12 Aprile 2012 

Massimo Recalcati - Elogio del fallimentoConversazioni su anoressie e disagio della giovinezza. Un libro conversazione; uno scritto eterogeneo intorno e sul tema dell’anoressia e dei disagi giovanili quello dello psicoanalista lacaniano Massimo Recalcati, “Elogio del fallimento”. Un vero e proprio viaggio nella società contemporanea e nella visione psicoanalitica dell’autore stesso rispetto ai temi a lui più cari.

 

 

 

 

Elogio del Fallimento

Conversazioni su anoressie e disagio della giovinezza

Massimo Recalcati

Pagine 224 - € 19.00

 

Il libro è suddiviso in tre parti; nella prima, Intervista e dibattiti, si susseguono una dopo l’altra delle interviste a Massimo Recalcati in occasioni differenti su tematiche quali disturbi dell’alimentazione, angoscia, vuoto, fragilità…; lasciate nella loro forma originaria. Interviste che proprio per il loro linguaggio diretto, parlato offrono numerosi spunti di riflessioni, allargando l’orizzonte sulla complessità di un tema così sfaccettato e presente nella nostra società. Ci si interroga sulle origini, sulle terapie in atto, sulle teorie esistenti e sui vicoli ciechi in cui quotidianamente ci si imbatte.

Nella seconda parte, Radiofonia, vengono raccolte le discussioni andate in onda per la radio in rubriche tematiche o approfondimenti, sotto forma di domande, risposte oltre che con l’intervistatore anche con gli ascoltatori; di particolare interesse la cura che viene data all’approfondimento del divenire sociale e della peculiarità della direzione dei malesseri contemporanei.

La terza parte, Marginalia, è incentrata sulla figura professionale di Massimo Recalcati; “la mia prima vocazione sono state l’arte e la poesia e in seguito la filosofia. La psicoanalisi è stata per me, negli anni della mia formazione universitaria, solo un oggetto teorico tra gli altri… decisi di radicalizzare il più possibile il mio rapporto con l’inconscio proseguendo la mia analisi personale e per questa via decisi che sarei diventato un analista, o almeno ci avrei provato… feci un altro incontro che si rivelò per me altrettanto decisivo: quello con il testo di Lacan… volevo decifrare la lingua straniera dell’inconscio…”

Massimo Recalcati, in quest’ultima parte, riflettendo, rispondendo su se stesso, offre al lettore una rilettura, un approfondimento e anche uno spostamento dalla visione classica del pensiero di Lacan e una visione appassionata, attenta e consapevole del nostro periodo storico e sociale e dei sintomi peculiari che insorgono nella nostra quotidianità

I temi su cui si dispiega il libro sono quelli cari e approfonditi in altre occasioni dall’autore stesso; temi che nascono o mutano in questa “nuova” forma sociale che assume l’identità di società capitalistica e di crisi del sistema non solo economico ma formativo ed educativo

Peculiarità dell’autore è la capacità di rendere fluidi, semplici i temi approfonditi, non richiedendo al lettore una propria conoscenza e formazione psicoanalitica. Un testo, che parola dopo parola, offre un panorama, uno spaccato sociale e mentale tipico dell’uomo moderno.

La lettura di un’intervista dopo l’altra, di un approfondimento dopo l’altro conduce il lettore verso un punto di vista differente sulle tematiche affondate; un punto di vista più semplice e profondo da accettare; dove non ci sono “grosse” parole ma uno sguardo, un’attenzione e una capacità di lettura e analisi profonda.

Massimo Recalcati, psicoanalista lacaniano tra i più noti in Italia, soprattutto per i suoi studi sui disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia). Nel 2003 ha fondato JONAS, Centro di Clinica Psicoanalitica per i Nuovi Sintomi, con l'intento di allargare l'indagine iniziata sull'anoressia e la bulimia anche agli altri sintomi con cui il disagio soggettivo si manifesta nel tempo della contemporaneità: attacchi di panico, depressione, problematiche legate alle nuove famiglie, tossicodipendenze. È membro fondatore di ALI (Associazione Lacaniana Italia di psicoanalisi) e direttore scientifico dell'IRPA (Istituto di Ricerca di Psicoanalisi Applicata) e del Corso di specializzazione per i Nuovi Sintomi di Jonas Onlus (Milano). Insegna Psicopatologia del comportamento alimentare presso l'Università di Pavia e Psychopatologie de l'anorexie presso l'Università di Losanna.

 

 

Articolo di: Laura Sales

Grazie a: Riccardo Mazzeo, Communication and Rights Manager di Edizioni Erickson

Sul Web: www.erickson.it

 

 

TOP