M. Whitty e A. Carr - Incontri@moci (Erickson, 2008)

Scritto da  Emanuela Santacroce Martedì, 23 Dicembre 2008 

M. Whitty e A. Carr - Incontri@moci (Erickson, 2008) Le relazioni ai tempi di Internet. Nell'era dei rapporti telematici, capita sempre più spesso di conoscersi via Internet… non è necessario andare a “Uomini e Donne”! Con un ricco apparato bibliografico e solidi dati di ricerca, “Incontri@moci” esamina le implicazioni relazionali dei nuovi media: in che modo le relazioni online sostituiscono, integrano, entrano in conflitto o amplificano quelle tradizionali o ne inaugurano di nuove?

 

 

 

Incontri@moci 

Le relazioni ai tempi di Internet 

Monica Whitty e Adrian Carr    

Pagine 260 - € 16.00

 

 

Nell'era dei rapporti telematici, capita sempre più spesso di conoscersi via Internet…

non è necessario andare a “Uomini e Donne”! Internet, fenomeno che non smette mai di espandersi, strumento di comunicazione sempre più illimitato, semplicissimo da usare, diretto, ormai anche economico. Abbatte le frontiere, distrugge la timidezza: che bisogno c'è di imbarazzarsi, quando si è celati dietro un nickname o un indirizzo email? Mantiene i legami a distanza. Ed ecco che senza neanche rendercene conto, ci ritroviamo ad avere più amici virtuali che reali, più fidanzamenti via chat che per colpi di fulmine.

"lncontri@moci" è un brillante saggio sulle motivazioni che spingono a frequentare la rete in cerca di un partner, sulla sintassi e il lessico amorosi ai tempi di Internet, sull’identità e l’alterazione della rappresentazione di sé, sulle potenzialità e gli aspetti disfunzionali di questi rapporti.

Con un ricco apparato bibliografico e solidi dati di ricerca il volume esamina le implicazioni relazionali dei nuovi media: in che modo le relazioni online sostituiscono, integrano, entrano in conflitto o amplificano quelle tradizionali o ne inaugurano di nuove?

Ribaltando alcuni stereotipi - come quello che vuole i frequentatori del mondo virtuale persone isolate, depresse e con scarse abilità sociali o che le dinamiche online siano del tutto diverse da quelle della realtà per l’”assenza” del corpo fisico - Monica Whitty e Adrian Carr  mostrano che “amoreggiare” al computer può essere considerato l’evoluzione postmoderna del corteggiamento dell’amor cortese e, sulla base delle teorie psicodinamiche, avvicinano il ciberspazio al concetto di spazio potenziale e di oggetto transizionale di Donald W. Winnicott.

Monica Whitty, è professore associato in Psicologia alla Queen’s University di Belfast (Regno Unito). I suoi interessi di ricerca preminenti, all’interno della psicologia sociale, della cyber-psicologia, dei metodi di indagine qualitativa, riguardano le cyber-relazioni, l’identità e i processi di alterazione della rappresentazione di sé nel mondo online, il cyber-stalking, il controllo e lo studio dell’utilizzo di Internet e della posta elettronica sul luogo di lavoro

Adrian Carr, è professore associato alla School of Applied and Human Sciences dell’University of Western Sydney (Australia). Il suo interesse di ricerca maggiore è rivolto alla teoria psicodinamica e alle sue applicazioni nel mondo delle organizzazioni e del lavoro.

 

 

Articolo di: Emanuela Santacroce

Grazie a: Riccardo Mazzeo, Communication and Rights Manager di Edizioni Erickson

Sul web: www.erickson.it

 

TOP