Ivan Illich et al. - Esperti di troppo (Erickson, 2008)

Scritto da  Giovedì, 19 Febbraio 2009 

Ivan Illich et al. - Esperti di troppo (Erickson, 2008)Il libro è una raccolta di saggi pubblicata per la prima volta nel 1977 e riproposta attualmente in una nuova traduzione italiana. A volte le professioni tipiche del Welfar State rischiano di condurre l’uomo a nuove forme di dipendenza fino a portarlo a diventare “prigioniero” delle istituzioni stesse.

 

 

Esperti di troppo

Il paradosso delle professioni disabilitanti

Ivan Illich, Irving K. Zola, John McKnight, Jonathan Caplan, Harley Shaiken

Pagine 120 - € 12,00

 

Il libro è una raccolta di saggi, con i contributi di alcuni studiosi, pubblicata per la prima volta nel 1977 e riproposta attualmente in una nuova traduzione italiana.

Il volume affronta uno dei poteri forse più indiscussi della società attuale: quello degli esperti, come il medico, l’assistente sociale, l’avvocato, lo stesso manager, che mettono al servizio degli altri la propria conoscenza e il proprio lavoro.

La tesi predominante dell’autore si basa sul concetto che a volte le professioni tipiche del Welfar State rischiano di condurre l’uomo a nuove forme di dipendenza fino a portarlo a diventare “prigioniero” delle istituzioni stesse.

Di facile lettura, il libro è diviso in saggi brevi e ricchi di spunti di riflessione. Rivolto essenzialmente a chi lavora nel sociale, come educatori, insegnanti, assistenti sociali, infermieri, medici, avvocati.

 

 

Contenuti:

Introduzione all’edizione italiana (Bruno Bortoli)

- Professioni disabilitanti (Ivan Illich )

- Medici disabilitanti (Irving Kenneth Zola)

- Assistenti sociali disabilitanti (John McKnight)

- Avvocati disabilitanti (Jonathan Caplan)

- Manager disabilitanti (Harley Shaiken

 

Ivan Illich. Scrittore, pedagogista, filosofo e teologo austriaco, è spesso ricordato come uno dei più importanti libero pensatore del Novecento in ambito sociale. Le sue opere rispecchiano l’interesse verso l’analisi critica delle forme istituzionali in cui si esprime la società contemporanea nei diversi settori.

 

 

Articolo di: Federica Cicchinelli

Grazie a: Riccardo Mazzeo, Communication and Rights Manager di Edizioni Erickson

Sul web: www.erickson.it

 

TOP