“I misteri di Montecitorio” di Ettore Socci

Scritto da  Domenica, 01 Giugno 2014 

Introduzione di Saverio Fossati


Un’iniziativa singolare, coraggiosa per alcuni aspetti – pubblicare un libro senza l’autore (vivente) che non è un classico riconosciuto – di grande attualità. Romanzo di ambiente politico, anzi parlamentare, il libro è uno spaccato sulla vita dell’avvocato Guidi, coprotagonista di una pletora di gente inutile, irriverente, fannullona, affarista che ha caratterizzato l’Italia di ieri e di oggi, o almeno la sua più insigne rappresentanza. E’ l’analisi spietata di un mondo intramontabile, scritta con stile fiorito e termini che oggi appaiono desueti, allo stesso tempo con piglio civettuolo e caustico insieme, un vero piacere alla lettura.

Gustoso, a tratti forbito, in altri simile al gossip del quale siamo sommersi, ci racconta una storia come tante in tempi non sospetti che pertanto diventa una metafora della biografia politica. Giovane di belle speranze, proveniente da un paesino qualunque, P… come d’uso un tempo, segnare nomi di luoghi, e persona con la sola iniziale, con un futuro appena sporcato da uno scivolone, nutrito da sentimenti sinceri e amorevoli verso una fidanzata inappuntabile eppure decisa e pratica che per salvarlo dal carcere lo fa candidare. La sorpresa della vittoria elettorale e l’essere catapultato a Roma segnerà la sua ascesa e condanna ad un tempo.


Il canovaccio è sovrapponibile a quello che abbiamo incontrato o del quale siamo venuti a conoscenza innumerevoli volte. Roma, si sa, è una Circe alla quale è difficile resistere e ancor più complesso è liberarsene. L’arrivo a Roma è incerto, perplesso, un avanzare a tentoni anche solo per conoscere i luoghi e sapere come muoversi; incontro al giovane paesano viene il sostegno degli habitué del Palazzo che conoscono i trucchi del mestiere. C’è un microcosmo nel quale le persone diventano personaggi e il politico si disumanizza per divenire una macchina in mano al consenso, non più padrone delle proprie azioni e perfino dei propri pensieri e sentimenti. Così anche l’innamorato Guidi trova un’amante ufficiale, Adele, nulla di originale perché lei in fondo è la donna di tutti in quel mondo, che poi finisce per sposare ‘un ricco citrullo’, riabilitarsi, sistemarsi e fare la bella vita. Siamo all’indomani dell’Unità d’Italia, al tempo di Agostino Depretis, ma il mondo non è cambiato di molto, semmai peggiorato nello stile: è la storia di un Paese che agli eroi ha preferito i furbi e, negli ultimi tempi, i furbetti.


Testo perspicace e arguto, romanzo naturalista con una nota che ricorda Balzac per la fotografia dei tipi umani e della loro mediocrità e per un altro verso il fermento e il brulichio dell’affaccendarsi cittadino di Zola. E’ un romanzo corale sull’opportunismo dilagante e il disinteresse per la cosa pubblica che anticipa uno scenario visionario come l’eterna questione delle ferrovie da riformare. Socci non è un censore, né un narratore, ma un regista in presa diretta che ‘si limita’ a ritrarre quello che gli passa davanti, sotto una luce spietata che rende il suo sguardo fresco e intelligente e non appesantisce mai la sua scrittura.


Ettore Socci nacque a Pisa nel 1846 e morì a Firenze nel 1905; fu giornalista, politico e scrittore, mazziniano convinto e volontario garibaldino. Arrestato più volte per le sue idee rivoluzionarie, nel 1878 si trasferì a Roma divenendo amico di Carducci e Cavallotti e nel 1892 fu eletto deputato per il collegio di Grosseto.


I misteri di Montecitorio
di Ettore Socci
Introduzione di Saverio Fossati
Studio Garamond – Marchio Edizioni della sera
Supernova
12,00 euro


Articolo di Ilaria Guidantoni

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP