AA.VV. - ICF e Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (Erickson, 2009)

Scritto da  Giuseppe Bianco Domenica, 01 Novembre 2009 

ICF Convenzione ONU diritti persone disabiliNuove prospettive per l’inclusione. Una pubblicazione per diffondere i principi della Convenzione delle Nazione Unite sui diritti delle persone con disabilità.

 

 

 

 

 

ICF e convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità

Nuove prospettive per l’inclusione

Giulio Borgnolo, Romolo de Camillis, Carlo Francescutti, Lucilla Frattura, Raffaella Troiano, Giovanni Bassi, Elena Tubaro (a cura di)

Pagine 211  - €20

 

Il volume è una sintesi degli interventi all’interno dei seminari nel corso dell’anno europeo per le pari opportunità per tutti. È stato promosso e coordinato dall’allora Ministero della Solidarietà Sociale in collaborazione con l’Agenzia Regionale della Sanità della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nel 2007.

All’interno dei seminari, finanziati dalla Commissione Europea, si è discusso dei principi della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità in base alla Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF). Oltre ad approfondire l’argomento, tali seminari sono serviti soprattutto a diffondere l’interesse, non solo concettuale, delle Nazioni Unite nei confronti dei disabili, a pianificare le future scelte politiche a sostegno dei servizi e ad introdurre una trasformazione culturale che si appropri di tutte le problematiche delle disabilità: dal diritto al lavoro all’inclusione scolastica, dai servizi sanitari all’integrazione sociale.

La portata di tale evento e i suoi effetti saranno valutabili solo nel tempo. Resta, di fatto, che l’evento storico dell’approvazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità è ormai un dato certo, con la speranza che siano, effettivamente, realizzati tali propositi, in misura maggiore nei paesi in via di sviluppo, in cui le barriere, gli ostacoli e i pregiudizi sono ancora da combattere.

In tutto il mondo, grazie alla Convenzione, la qualità della vita per 650 milioni di persone con disabilità potrà cambiare nei prossimi decenni, definendo una politica basata sulla tutela dei diritti umani.  

 

Articolo di: bianco

Grazie a: Riccardo Mazzeo, Communication and Rights Manager di Edizioni Erickson

Sul web: www.erickson.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP