Prima di essere uno scrittore, Oliviero Pesce, è un cittadino che si interroga come sia possibile non rendere applicabile la Costituzione Italiana pur essendo riconosciuta e definita da tutti la più bella del mondo.

Tre amici, due gemelli ed un morto presso lo stadio S. Nicola di Bari aprono il romanzo dai toni noir di Ezio Falconieri, autore di origini barese, che ci ripresenta anche in questo lungo racconto la figura interessante dell’ispettore Capo Giacinto Montrone.

Un tuffo nella Marsiglia al tempo della Resistenza, una storia d’amore, di dolore, di delusione nutrita della luce, dei sapori e delle voci di questo porto meticcio sul Mediterraneo. Nel libro filtra, senza enfasi né eccessi sentimentali, il doppio legame dell’autrice con questa città, l’Algeri del nord, e con la madre della quale racconta la storia. E’ la storia della vita attraverso il teatro in un intreccio di finzione e realtà, molto più realista e spietato di un bollettino di guerra; è anche la storia della pietà e del rispetto per l’essere umano da una parte, della violenza che calpesta chiunque di qualifica come ‘diverso’ con la banalità del male: sia un omosessuale o una donna di teatro o ancora un oppositore del regime. Per questo il libro è anche di grande attualità. Suggestiva senza essere oleografica la ricostruzione del dedalo della città e dei suoi umori. Interessante la scrittura, asciutta, piegata alle infiltrazioni dell’argot, del linguaggio malavitoso e greve ma con inaspettate punte di lirismo, accoglie gli idiomi diversi di quella città di frontiera, rifugio e nascondiglio di persone in cerca di un altrove. E’ anche la storia dell’unico amore assoluto possibile per un uomo, quello per un figlio.

Diversamente Angeli, di Fabio Chiarini

Scritto da Giovedì, 02 Gennaio 2014

Un insieme di poesie che definire “raccolta” rischia di essere riduttivo. Il lavoro di Fabio Chiarini è un interessante sguardo sull’amore omosessuale, un amore che da alcuni può essere definito diverso, ma che, in quanto amore, nulla ha di dissimile da quello delle coppie eterosessuali. Poesie d’amore, alcune gioiose, altre tristi, come i momenti che uno dei sentimenti più belli della vita fa assaporare a tutti gli innamorati. Ogni poesia è tradotta in inglese, iniziativa assai interessante ed apprezzabile.

Un libro che mi ha costretta ad un’autocritica doppia e per questo un libro utile se mai di utilità si può parlare, nel senso più nobile. Un testo che mi ha costretta ad una passeggiata impietosa dentro di me, guardandomi allo specchio, attraverso lo specchio di un’altra donna, non una qualsiasi, quanto un fenomeno singolare. E ancora un’autocritica nel giudizio frettoloso emesso su questa giornalista dotata evidentemente di un talento straordinario.

Leggere questo libro dal titolo “La storia del Mossad”, vuol significare addentrarsi nella questione ebraica, nel suo evolversi ed imbattersi nella storia del sistema dell’intelligence israeliana. Il racconto di impronta didascalica, grazie ad una scrittura fluida e chiara dell’autrice Antonella Colonna Vilasi, conduce il lettore a documentarsi sulla nascita dello Stato israeliano e sul ruolo svolto dall’azione del “Mossad” come organizzazione per la sicurezza dello Stato stesso.

TOP