Una storia siciliana al femminile, antica, arcaica eppure di grande incisività per la modernità psicologica della protagonista. Una scrittura semplice, pensata e vissuta in un siciliano da migranti, attenta più alla sonorità che all’imitazione e per questo di grande immediatezza. E’ una vicenda ai limiti del fantastico, lontana nel tempo e per il contesto sociale ma che non può che emozionare per la sua delicatezza e farci riflettere sulla forza interiore di una donna che non ha niente a che fare con il potere pubblico e il suo ruolo sociale o la statura culturale.

“L'effacement” di Samir Toumi

Scritto da Domenica, 26 Marzo 2017

È appena uscito il romanzo in francese dell'algerino Samir Toumi, scrittore non di professione, che ci aveva già sorpreso con Alger, le cri - recensito su questo spazio - per la sua incisività, eleganza di prosa, comune a tanta letteratura algerina francofona, e uno stupefacente rispecchiamento tra interiore ed esteriore, vissuto psicologico al limite del surreale e destino di una città e di una nazione. Come se essere algerini o essere di Algeri non fosse una condizione qualsiasi o una circostanza contestuale quanto una cifra del proprio Dna dal quale non si può sfuggire. Algeri è una ferita dell'anima alla quale non si può rinunciare come del resto ad un grande amore e per chi non conosce questa città e la storia del popolo algerino è difficile da capire.

Illustrazioni originali di Giulio Peranzoni

Un saggio sul cinema western appassionato, troppo spesso bollato come cinema di genere; un libro che è un inno al cinema, il racconto è il di svela mento attraverso il western della storia dell'America e del suo spirito oltre che della natura che può essere anche consultato come un manuale. Ricco di spunti e di temi. Originale.

Che senso ha la poesia e, soprattutto, ha ancora senso parlare di poesia in un'epoca in cui la rapidità della comunicazione (e la comunicazione costante) hanno reso l'attenzione scarsa, la cura per la forma e il dettaglio mestiere per pochi e l'attesa del “tempo giusto” per far scorrere lo sguardo sulla pagina poco praticabili? Aprendo una delle tante pagine del diario “massimo” di Guido Catalano – Ogni volta che mi baci muore un nazista – la risposta sembrerebbe positiva. Con uno stile essenziale, a mezza via fra il cantautoriale e la poesia narrativa d'ispirazione americana, senza eccessivi fronzoli e attento a parlare la lingua del presente, Catalano parla di sentimenti e lo fa senza traccia di autocompiacimento, senza indossare “la toga del poeta”. Amori, sofferenze, momenti di mancanza e di felicità minima vengono descritti attraverso i nostri stessi occhi, con quelle parole che avremmo voluto trovare e che, apparentemente, erano lì, così semplici, appena al di là del pianerottolo.

Il marxismo come non l’avete mai letto, per la prospettiva originale dalla quale è analizzato, dalla parte delle persone: la famiglia Marx, i legami personali con Engels, ma soprattutto le figlie e in particolare Eleonor Marx, morta suicida. Un affresco che racconta un’epoca, le origini dell’Europa e il percorso di un’ideologia protagonista del Novecento in modo insolito e per chi non conosce profondamente questa filosofia, inaspettato.

Nell’anno di Ustica e l’Irpinia, anche la ferita più tragica può essere curata

Una storia di speranza e solidarietà

Pagina 1 di 44
TOP