Se si potesse leggere con l’olfatto, quale sarebbe l’odore dei libri? Che profumo avrebbero i Promessi sposi? E Le mille e una notte? Il romanzo di Desy Icardi, con stile avvincente e briosa ironia, ci parla di libri e dell’amore per la letteratura attraverso la storia di una lettrice speciale.

Un giallo non giallo, un romanzo che racconta la cronaca dolce amara di un paesino, acuto sguardo tagliente sulla vita e i vizi della provincia, una penna velocissima quella di Dino Cassone, che non risparmia nessuno e con un certo disincanto e un tono divertito anche con il lettore ne chiede la complicità per raccontare una vicenda dalle tinte fosche. Gustoso.

“Uva noir” di Gabriella Genisi

Scritto da Lunedì, 29 Aprile 2019

Il filone del noir, che sia giallo, thriller, legal thriller o altro è il genere più amato dagli italiani, uno specchio della realtà nel quale riconoscersi, tra vizi e virtù. C’è uno strano compiacimento che in Puglia sta dando diversi scrittori. Una è Gabriella Genisi che ha inventato il personaggio del commissario Lolita Lobosco, single sexy – con alcuni elementi quasi caricaturali, come le camicette che le tolgono il respiro - amante del buon cibo, donna capace che non si ferma davanti a nulla e che ha tutti i tic delle donne sole in carriera. E’ un profilo femminile, mediterraneo, intelligente e verace, con un carattere che non ha tutti risulta digeribile eppure in certi aspetti molto tenera.

Una storia intrisa di magico e di misterioso, piena di profumi, colori apre anche al lato oscuro della vita come la morte rivolgendosi ai più piccoli. Nella storia ci sono inoltre interessanti spunti di riflessione per genitori e insegnanti sul tema del dolore e della tristezza degli uomini e sull’avvicinare i bambini in modo delicato ad affrontare la vita per quello che è nella sua complessità. Il libro è corredato di illustrazioni molto curate e raffinate.

L’ora meridiana di Paola Musa

Scritto da Domenica, 24 Marzo 2019

Romanzo sociale non nel senso tradizionale quanto affresco della condizione di a affettività e disorientamento morale della società contemporanea attraverso la vita di un uomo che si sgretola, quella di Lorenzo Martinez. L'ordinaria follia e banalità del male che non risparmia nessuno anzi si annida proprio nel cuore del l'intimità. Il libro parte con un tono cinematografico, commedia nera all'italiana finché prende poi il sopravvento proprio l'anima nera o gialla, insospettabile della scrittrice. Una rivelazione per chi conosce i suoi libri precede ti anche se non rinuncia alla pietà. Una scrittura cruda che pare al maschile. Uno stile insolitamente poetico.

Aldo Rossi (Milano 1931- Milano 1997) è uno dei più grandi nomi dell’architettura italiana. La sua opera si è divisa tra l’insegnamento universitario (svoltosi, tra l’altro, negli atenei di Yale, Harvard, Zurigo e Milano), lo svolgimento della libera professione di architetto (lungo l’elenco di opere architettoniche importanti progettate dal milanese e quello delle opere di design industriale di cui è autore) e l’attività pubblicistica (Rossi ha scritto diversi saggi e una autobiografia scientifica).

Pagina 1 di 51
TOP