Dal 1 al 18 ottobre. L' azzeccatissimo connubio dell’inedita coppia formata da Piera Degli Esposti e Pino Strabioli è nato dopo la fortunata trasmissione di Rai Tre Colpo di scena e dopo una sorprendente serata della rassegna teatrale estiva I Solisti del Teatro. "Wikipiera" è stato l’inevitabile seguito di queste due occasioni. "Wikipiera" è il gioco fra i due che tende a mettere in evidenza il singolare percorso che Piera ha compiuto per diventare attrice e così troveremo, oltre ai curiosi episodi che attraversano la sua brillante carriera, anche brani tratti da Joyce, Campanile e Beckett.

Largo spazio al musical nel cartellone 2015-2016 del Teatro Brancaccio. Il palco di via Merulana mette in scena vecchie e nuove produzioni che vanno da «Sister Act» a «Grease», da «Cabaret» a «Burattino senza fili», da «Priscilla, regina del deserto» a «Rapunzel». Fra gli artisti presenti in sala in occasione della presentazione, Giampiero Ingrassia, Lorella Cuccarini, Serena Rossi e Marco Simeoli.

Una stagione elegante, brillante ed intelligente! Così Giorgio Barattolo, Direttore artistico de Teatro della Cometa ha definito la trentesima stagione del teatro di Via del Teatro Marcello.

Todi Festival, l'evento più vivace e dinamico, ribalta del nuovo teatro. Dal 21 al 31 agosto 2014, per un grande appuntamento con il teatro. Direzione artistica di Silvano Spada. Ecco i quindici spettacoli protagonisti e il programma completo delle singole giornate.

Si è da poco concluso a Chiusi (Si), "Orizzonti, Tra Mito e Favola, Festival delle Nuove Creazioni nelle Arti Performative (1 - 10 agosto 2014). Giunto alla sua XII edizione, contribuisce ormai a creare l’identità culturale di questa splendida cittadina toscana di circa otto mila abitanti, già conosciuta nell’antichità, come una delle più antiche ed importanti città etrusche.

Martedì, 11 Giugno 2013 19:12

Parliamone - Teatro Franco Parenti (Milano)

Bugiarda no, non lo è mai stata: la sincerità, lo sguardo onesto e senza filtri pregiudiziali sul mondo sono forse la ragione principale di questo consenso che da decenni, immutato, la accompagna. Bugiarda, dunque, mai. Ma reticente sì, eccome se lo è. La reticenza intesa come arte della sottrazione; la comicità come sintesi sublime; la convinzione che l'umorismo, esattamente come il buon giornalismo, è un lavoro di cesello. Alla fine, lo sketch ironico è un bell'orologino con tutte le sue parti apposto: guai se inserisci una molla in più, quel di più rovinerà la funzionalità dell'oggetto. Questa è Franca Valeri. Il pubblico del Parenti che il 6 giugno le si è stretto attorno in un caldo abbraccio queste cose le sa a memoria, ma ha piacere che gli vengano ricordate.

Pagina 2 di 2
TOP