Dopo 39 edizioni, 377 repliche e oltre 370mila spettatori-clienti, nei teatri e nei luoghi più significativi della tradizione italiana e dei festival internazionali, Dignità Autonome di Prostituzione, il sorprendete spettacolo di Luciano Melchionna scritto a quattro mani con Betta Cianchini, muove verso il suo ritorno a Roma per un evento straordinario a Cinecittà.

Aria di grande rinnovamento alla conferenza stampa di presentazione della Stagione Teatrale 2015/2016 del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. In una gremita sala del Palazzo delle Esposizioni un emozionatissimo Luca Barbareschi prende la parola dopo la piacevole introduzione di Franco Di Mare, chiamato a condurre la presentazione. Con la voce spezzata dall’emozione dei ricordi e del prossimo importante traguardo anagrafico (compirà 60 anni l’anno prossimo), introduce - dopo l’intervento dell’Assessore Marinelli e prima di passare alla presentazione degli spettacoli in cartellone - le novità “dirompenti” che renderanno il teatro più glorioso di Roma un polo d’eccellenza. L’obiettivo è creare una “community”, realizzare un punto di aggregazione che possa ampliare la possibilità di offerte culturali. Non solo spettacoli, ma una commistione sinergica tra arte e scienza, tra intrattenimento e servizi di accoglienza, scuola di recitazione e formazione, bar e servizi di ristorazione.

Mercoledì, 09 Aprile 2014 21:05

Arancia Meccanica - Teatro Bellini (Napoli)

Dall'1 al 13 aprile. In scena al Teatro Bellini di Napoli, Gabriele Russo fa rivivere un caposaldo della cinematografia di tutti i tempi, la storia di Alex e dei suoi amici drughi, rimanendo - per quanto possibile - fedele al linguaggio Nadsat, creato dallo stesso Kubrick. Così come nel romanzo la storia viene raccontata dal protagonista, come se ci trovassimo in uno dei suoi incubi.

Quelle due

12 novembre. Il festival ‘Illecite Visioni’, kermesse milanese di teatro dedicata interamente a tematiche GLBT, si conclude con Quelle due ovvero la calunnia di Luciano Melchionna, opera di Lilian Hellman già celebrata al cinema in un film del 1961 con Audrey Hepburn. Cult della letteratura umanamente scandalistica che negli anni Trenta fece tremare le tempie al puritanesimo del New England, si sviluppa attorno al comportamento, intollerabile per quei tempi e per quei costumi, di due maestre che vengono accusate di intimità tra loro da una ragazzina perfida e viziata, con un’intera comunità che si allarma e reagisce. Le speranze spezzate di due giovani donne, la loro dignità e la loro onestà, morale e intellettuale, calpestate e messe alla berlina per una loro presunta omosessualità.

Domenica, 17 Giugno 2012 14:24

Quelle due - Teatro Belli (Roma)

Carolina Crescentini

Un’ apertura all’insegna di un’intensità tagliente e di un fascino torbidamente inquietante per la XIX edizione del Garofano Verde, rassegna di teatro omosessuale curata da Rodolfo Di Giammarco tradizionalmente in scena al Teatro Belli. Il testo drammaturgico d’esordio della scrittrice americana Lillian Hellman ci conduce, con stile acuminato, inconsueta capacità di introspezione psicologica ed una sferzante critica del bigottismo imperante, tra le spire tentacolari di una storia di verminosa delazione, crudeltà soverchiante e sordido inganno. Proposto in forma di reading, questo incandescende materiale narrativo divampa, emozionante e commovente, grazie all’ adattamento e alla regia impeccabili di Luciano Melchionna e alle interpretazioni viscerali dei sette protagonisti in scena, tra cui spiccano le vibranti prove recitative di Lucia Mascino e Carolina Crescentini.

Martedì, 25 Gennaio 2011 21:56

Lipstick - Teatro Due (Roma)

Lipstick

Il coraggio di squarciare con decisione il velo di ipocrisia e gli ostacoli che si frappongono tra noi e la possibilità di una felicità autentica e duratura, la presa di coscienza della necessità di demolire le sovrastrutture che gli altri costruiscono per ingabbiare la nostra esistenza negli schemi di una rispettabilità sociale algida e limitante. Lipstick è l’esaltazione di uno di questi momenti catartici, raccontato in una commedia brillante, originale e squisitamente al femminile che segna l’esordio come autrice della promettente Carlotta Corradi ed entusiasma il pubblico grazie alle accattivanti interpretazioni delle tre protagoniste in scena, Paola Sambo, Elisa Alessandro e Claudia Mei Pastorelli.

TOP