"Alma Mater", dedicato alla memoria delle madri che non si stancano mai di insegnare qualcosa da millenni e in ogni luogo del mondo, è un altro evento estivo che rende più affascinante Milano, dall’8 luglio fino al 29 agosto alla Cattedrale della Fabbrica del Vapore. L’opera è firmata da Yuval Avital ed il suo titolo significa letteralmente ‘Madre Nutrice’, riferendosi a chi porta avanti la vita nel tempo, per quanto nel Medioevo tale appellativo fu utilizzato anche per riferirsi alla Vergine Maria ed in seguito divenne soprannome per indicare l’Università, che fa crescere i giovani nutrendoli di cultura.

Il Teatro Carcano si inoltra nel caldo estivo a palcoscenico aperto per accogliere un' iniziativa che si collega perfettamente a EXPO in città: si tratta di "Arborea Carmina, cultura, cibo, energia, persone e danza", andata in scena dal 9 al 12 luglio scorsi. Il Centro Studi Coreografici Teatro Carcano e la compagnia Teatro Totale hanno creato questo evento-spettacolo diretto da Aldo Masella, che ha presentato la serata introduttiva e ha intervistato dal vivo Oriella Dorella, la grande etoile della danza, madrina dell’evento e portavoce nel mondo di stile e ricchezza artistica Made in Italy. Arborea Carmina è legato ai temi di Expo e alla nutrizione, all’energia e alla tutela ambientale sviluppandone i contenuti principalmente attraverso la forma espressiva della danza. Brani di prosa e poesia, selezionati ed emozionali, contribuiscono allo svolgersi degli eventi in scena mentre le quattro conferenze che precedono gli spettacoli hanno il compito di introdurre i temi della narrazione coreografica.

TOP