Promette splendore, leggerezza e lo sfavillio tipico dei grandi Musical, il nuovo allestimento di “My Fair Lady” di Massimo Romeo Piparo, pronto a debuttare il 12 dicembre al Teatro Sistina di Roma (con un’anteprima l’11 dicembre) e presentato ieri a Roma. Lo spettacolo, uno dei classici più amati della storia del musical, qui interpretato da Vittoria Belvedere e Luca Ward, sarà in scena per tutte le feste di Natale fino al 6 gennaio per regalare al pubblico un’immortale favola di riscatto, trasformazione e amore.

Al Teatro Parioli Peppino De Filippo, da martedi 4 a domenica 9 dicembre, “La donna di garbo”, di Carlo Goldoni, elaborazione di Marco Messeri e Emanuele Barresi, regia di Emanuele Barresi con Debora Caprioglio e Marco Messeri e con Antonella Piccolo, Emanuele Barresi, Cristina Cirilli, Riccardo De Francesca, Fabrizio Brandi, Eleonora Zacchi. “La donna di garbo” è la prima commedia a cui si fa risalire l’incipit di quella che sarà la grande riforma teatrale del Goldoni. Nella versione attuale, “snellita”, rispetto all’originale, molto rilievo va ad uno degli elementi della commedia: il racconto di una famiglia borghese, i cui membri sono posseduti da vizi e manie incontrollabili.

Il teatro della crudeltà della coppia cult Ricci/Forte nel bellicoso e ironico “Imitationofdeath” in scena a Teatri di Vita, venerdì 7 e 8 dicembre. Sedici attori travolgono i confini del teatro, in una polveriera di visioni ed emozioni ispirate a Chuck Palahniuk: una teatralità sempre più fisica e bellicosa, ironica e crudele, per una cerimonia funebre dell’adolescenza. E’ “Imitationofdeath”, l’ultima sfida della coppia “terrible” del nuovo teatro italiano, Ricci/Forte.

La Compagnia dei Masnadieri torna in scena dal 4 al 23 dicembre, nella raccolta cornice del Teatro Stanze Segrete, con un esilarante giallo dai risvolti inattesi e dal retrogusto vintage, “Il quaderno perduto di Agatha Christie” di Massimo Roberto Beato, con la regia di Jacopo Bezzi.

Una sfida teatrale ai limiti dell’incredibile: come condensare l' opera omnia del bardo, 37 opere, in 90 minuti? Una geniale compagnia di drammaturghi/attori americani ci e' riuscita. Dopo un interminabile successo a Londra, prima nei teatri off e in seguito per più di 10 anni al Criterion Theatre di Piccadilly Circus e tutt’ora in tour a 30 anni dal debutto, per la prima volta in italia, lo spettacolo che diverte fino alle lacrime decine di migliaia di spettatori di tutto il mondo. La versione italiana si affida a Zuzzurro & Zaspare, maestri della risata, che assieme a Maurizio Lombardi, giovane attore di talento, raccolgono l’ardua sfida affrontando l’opera con la loro ironia e il loro stile funambolico e paradossale.

Dal 4 al 16 dicembre al Teatro Argentina in scena il capolavoro goldoniano di Giorgio Strehler, “Arlecchino servitore di due padroni” con protagonista l’ottantatreenne Ferruccio Soleri, attore della più lunga performance di teatro nello stesso ruolo in uno spettacolo che da 65 anni conquista le platee di tutto il mondo.

TOP