Redazione Teatro

Articoli di Redazione Teatro

Dal 2 al 4 dicembre, PAPERO SRL presenta Giobbe Covatta in "Sei Gradi", uno spettacolo di Giobbe Covatta e Paola Catella, con la partecipazione di Ugo Gangheri e i costumi di Chiara Defant.

Uno spettacolo riservato a pochi spettatori, nell'intimità' del teatro, come in una preghiera, in cui il giovane Matteo affronta i propri demoni, gli abusi subiti all'interno delle rassicuranti mura di un collegio cattolico, il sesso, le paure... l'amore, probabilmente.

Roma raccontata dalla penna di 26 autori e portata in scena da oltre 60 interpreti per un “polittico teatrale” a più voci che, fra invettive di rabbia e dichiarazioni d’amore, ritrae la Città e la restituisce al suo Teatro. Tanti autori per tante storie. Tanti artisti per tante visioni, realtà e bellezze, a comporre sul palcoscenico le molteplici anime della città in un’unica grande, originale composizione: Ritratto di una Capitale - Ventiquattro scene di una giornata a Roma, l’inedito spettacolo-maratona dal 18 al 22 novembre al Teatro Argentina.

LORO non è una storia inventata. Nel dicembre del 1978 il metronotte Piero Zanfretta, durante un giro di ispezione in alcune ville dell’entroterra ligure, si imbatte, a suo dire, in degli «esseri enormi, alti circa tre metri». Da allora la sua vita non sarà più la stessa, anche perché da quella notte, in quella zona, le testimonianze su strani fenomeni e avvistamenti iniziano ad accumularsi in modo sorprendente, e sembrano tutte più che attendibili. Da subito, l'episodio diventa un fatto di cronaca. L’inizio di una serie incredibile di avvenimenti.

Martedì 18 novembre torna in scena al Cometa Off di Roma, fino al 7 dicembre, "Amore e Resti Umani" di Brad Fraser per la produzione di Barbaros e con la regia di Giacomo Bisordi.

Venerdì 14 novembre alle ore 18 presso la Sala Squarzina del Teatro Argentina si terrà la presentazione del volume monografico dedicato al grande critico e editore teatrale, PANTA FRANCO QUADRI. Edito dalla casa editrice Bompiani, il volume è curato da Renata Molinari con la collaborazione di Jacopo Quadri per la ricerca iconografica e i materiali inediti, ed è realizzato con il concorso dell’Associazione Ubu per Franco Quadri.

Il progetto TEATRO FA GRANDE. Spettacoli e progetti per spettatori da 0 a 99 anni prosegue con gli appuntamenti dedicati al teatro ragazzi che martedì 11 novembre (ore 19) vedrà in scena al Teatro India la storia di Jeanette, una ragazzina intrepida e ispirata dai racconti su Giovanna d’Arco, nello spettacolo LA PRIMAVERA DI JEANNE D’ARC, per la regia di Fiona Sansone e la drammaturgia di Flavia Gallo.

Sola e felice. Arrabbiata con la vita, Augusta si nasconde dietro una corazza tutto sommato di latta. Accentua con il suo parlare colorito (anche parolacce) il suo carattere energico e scorbutico. Ma è poi così felice? Ad interpretare Augusta in “La vita non è un film di Doris Day”, è Paola Gassman. L’attrice in questo spettacolo, in scena fino a domenica 16 novembre al teatro Nino Manfredi, rivela un nuovo volto interpretativo; ed è una sorpresa anche per il pubblico che dimostra di apprezzare la Gassman in questa nuova versione “eccentrica”.

«È eroicamente testardo, sperimenta il mondo con il suo poetico e tragico rifiuto dell’unico elemento che fa girare il mondo, il denaro». Così Giorgio Barberio Corsetti descrive il protagonista, interpretato da Claudio Santamaria, della sua nuova regia teatrale "Gospodin" di Philipp Löhle.

Il "Gruppo della Creta" presenta "La Baruffa", tratto da "Le baruffe chiozzotte" di Carlo Goldoni, con regia di Lorenzo De Liberato. Una commedia ritmata, giovanile, comicissima. Un testo solido e dalle tematiche nitide che lascia spazio all’improvvisazione e al lazzo di commedia, stupendo e divertendo lo spettatore. La mancanza di elementi scenografici complessi e di un disegno luci, lascia spazio alla comunicazione diretta col pubblico, in perfetto stile di commedia, concentrando tutto lo spettacolo sulla potenza del testo, su una recitazione asciutta, ritmata, incisiva e quindi efficace. Il testo veneziano è stato riadattato per arrivare con facilità ad un pubblico più ampio, preservando però alcuni elementi vernacolari strumentali alla comicità Goldoniana.

TOP